Tare:”I derby si vincono. Adesso si vede la mano di Sarri”

E’ il momento di Roma-Lazio, derby numero 180 della storia capitolina. Tifoseria, staff e giocatori sono sempre stati abituati a vivere l’avvicinamento a questa partita accompagnati da forti emozioni come ansia, stress e preoccupazione considerando che in questo incontro particolare ,dove viene assegnata la supremazia sulla città eterna, la storia ha insegnato che la posizione attuale in classifica ed i risultati ottenuti nelle partite precedenti da parte delle due squadre non contano piu’ di tanto. Una vera e propria incognita.Negli ultimi anni infatti il derby è stato conquistato dalla formazione apparsa meno favorita prima dell’inizio del match; inoltre il successo è sempre valso doppio soprattutto dal punto di vista mentale, oltre a quello atletico perché chi riesce a portare a casa i tre punti è stato molto bene psicologicamente  fino alla prossima sfida nella stagione successiva. Ai microfoni di Dazn poco prima del fischio d’inizio è intervenuto anche il direttore sportivo Igli Tare che ha rilasciato queste dichiarazioni: “ Questo derby significa tanto per noi, bisogna vincere. Siamo molto concentrati per la partita stasera. In 17 anni ne ho vissuti molti di derby ed ogni volta c’è sempre una forte emozione. Sappiamo perfettamente cosa significherebbe vincere questa partita e cosa può fornirci in ottica finale di campionato. Resterò alla Lazio? Sicuramente si. Distacco con le altre squadre in classifica? Non c’è  tanta distanza, a inizio stagione avendo fatto la scelta sull’allenatore sapevamo che mister e squadra avevano bisogno di tempo. Sicuramente c’è stato un po’ di ritardo ma i risultati ci sono e si è notata la mano del mister. Purtroppo nella classifica attuale siamo distanti dalle prime quattro della classe, ma avevamo già considerato i problemi. Adesso dobbiamo giocare le nove finali rimaste, pensando a partita per partita. Alla fine tireremo le somme però questa squadra promette bene in ottica futura”.

Angrisani Dylan

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*