Lazio, Sarri: “Subito dopo il primo gol siamo usciti dalla partita e questo è inspiegabile”

Olimpico – Dopo la pesante sconfitta nel derby, l’allenatore della Lazio Maurizio Sarri ai microfoni di Dazn ha provato a dare una spiegazione alla brutta prestazione: “Non possiamo parlare di approccio perché non abbiamo neanche cominciato a giocare, possiamo dire però che è stato ancora peggio non essere mai riusciti a rientrare in partita, come se quel gol a freddo ci abbia tagliato completamente le gambe. Mi dispiace soprattutto per il nostro pubblico che a questa partita ci tiene tantissimo e perderla cosi non è bello. Secondo me dopo il gol ci siamo fatti prendere dal nervosismo perché abbiamo cominciato a sbagliare un numero di palloni che solitamente non sbagliamo mai. Subito il gol la testa è andata via e non siamo riusciti a rimanere lucidi per provare a risalire nella partita. Questa è una squadra che quando subisce una sconfitta così di solito reagisce e questo mi lascia sperare per il futuro, chiaro però che la non reazione di questa sera lascia più di un dubbio. Le difficoltà tattiche di questa partita passano in secondo mordine perché preso quel gol in quel modo avevamo un milione di difficoltà diverse in più, la spia purtroppo era che in campo facevamo tutto in maniera ritardata e che quindi non siamo stati in grado di reagire. Palloni persi banalmente che ci esponevano alle ripartenze, cambi di gioco avversari che non andavamo a coprire come sappiamo e dobbiamo fare, tutto chiaramente dovuto allo stato d’animo del momento. Qualcosa ci manca per ambire a posizioni di classifica più alte perché la posizione di oggi lo sta a testimoniare ma non sono certe valutazioni che possiamo metterci a fare oggi perché oggi devo tutelare i giocatori che sto allenando, poi alla fine saranno valutazioni da fare con la società. La classifica comunque parla chiaro su quanto ci manca. Che questa squadra ti sorprenda in maniera negativa quando meno te lo aspetti e purtroppo vero, ci succede più raramente che ad inizio stagione ma succede ogni tanto anche adesso e oggi infatti ci ha sorpreso purtroppo. Quello di Roma è un derby particolare, speciale, l’attesa in città è enorme e non ha riscontri non solo in Italia ma anche in Europa e questo lo rende davvero speciale, ecco perché c’è il rischio che possa diventare un limite per le due squadre che non si devono accontentare di vincere soltanto i derby ma forse è proprio questo che lo rende così speciale.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*