Sarri: “Nessuna classifica o Europa in palio, noi giocheremo per il derby. Mourinho? Non sento rivalità”

Formello – E’ arrivata la notte prima degli esami. In quel di Formello la Lazio si allena, resta a cena e poi ritiro (facoltativo). Sarri carica i suoi e non manca di parlare in conferenza stampa prima della gara decisiva del girone di ritorno che vale il primato cittadino: “Nessun derby per l’Europa o per la classifica, in palio c’è la vittoria contro la Roma, una vittoria importantissima per noi e garantisco che non c’è nessun retropensiero. La partita fa storia a sé, lo dice la storia, nessuna gara è come questa, il derby vale il triplo degli altri match. Sarà una partita difficile come all’andata, entrambe le squadre in campionato hanno avuto alti e bassi, né io né Mourinho possiamo basarci sul percorso fatto fin d’ora. Mi aspetto una partita tirata e due squadre che cercheranno di imporre il proprio gioco”. A proposito di Mourinho non manca la chiosa sull’allenatore avversario: “Non sento alcuna rivalità, assolutamente. Le volte che ci ho parlato mi ha fatto una buona impressione. Sulla battuta delle sigarette e del divano rispondo che ho smesso di fumare da giorni, forse nessuno glielo ha detto”. Poi una battuta sui singoli e sulle probabili formazioni: “Sui terzini vediamo, domani ci sarà un ultimo test, ho due opzioni se sparare subito tutto all’inizio o fare una scelta più attendista, in base a quello che decideremo, ci saranno dei giocatori piuttosto che altri”. Una domanda anche su Acerbi, ultimamente in rotta di collisione con l’ambiente: “Faccio fatica a capire la polemica sinceramente. Sì il ragazzo ha fatto un gesto evitabile dopo un gol, ma quello che ha dato per questa maglia in questi anni ed il valore del giocatore oltre che del ragazzo sono indiscutibili”. Una riflessione anche sull’ambiente: “il nostro popolo ci tiene in modo particolare, noi dal punto di vista emotivo e caratteriale siamo cresciuti, maturati. Daremo tutto”. Ultima battuta sulla visita del presidente Lotito: “Il Presidente c’è stato, ma non ha parlato alla squadra. Spesso viene e ci fa sentire il suo appoggio, ma non interferisce mai nelle questioni, non so se rimarrà stasera a cena con noi”.

Alessio Aliberti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*