Lazio, Leiva: Milinkovic è forte come Ibrahimovic

In una lunga intervista rilasciata al sito inglese The Athletic alla viglia di Liverpool- Inter di Champions League, allenate rispettivamente da Klopp e Inzaghi, i suoi due ultimi allenatori, il centrocampista biancoceleste ha parlato anche del momento attuale della Lazio: “Inzaghi per me è stato davvero importante. Penso sia l’allenatore per il quale ho giocato più partite. Gli ultimi quattro anni con lui sono stati probabilmente uno dei momenti migliori della mia carriera. Mi ha dato molta fiducia, abbiamo avuto successo insieme e abbiamo vinto. Simone è un allenatore molto offensivo. Ma come tutti gli italiani è molto preoccupato per la tattica e su come non subire gol. È un buon mix. Le sue squadre segnano sempre tanti gol, ma lui ha nel sangue la tattica difensiva italiana. Ecco perché penso che abbia avuto successo e stia progredendo molto bene nella sua carriera. Klopp, Prima di tutto è una persona fantastica, un grande uomo, molto onesto. Ho imparato molto nei due anni trascorsi con lui. Ho seguito molti dei consigli che mi ha dato. Appena arrivato al club sentivamo che le cose stavano cambiando e che sarebbero tornati i grandi momenti del Liverpool. Probabilmente il mio tempo al club stava volgendo al termine. Stavo giocando un po’ meno, quindi a volte ero frustrato. Ricordo di aver parlato con lui un giorno e lui disse: ‘Lucas, a volte non posso dire quello che vuoi sentire, sai’. Questa è la frase che ricordo perché a volte è difficile ascoltare qualcosa che non vuoi ma è meglio perché poi ti fa migliorare e rifletterci su. Quindi è qualcosa che porto con me fino ad oggi e come ho detto è stato fantastico lavorare con lui. Il nostro rapporto è ancora molto buono ed è questo che conta alla fine. “Milinkovic è lo Zlatan Ibrahimovic del centrocampo. Quando sono arrivato per la prima volta non lo conoscevo davvero. Ma ha tutto quello che deve avere un top player. È fisicamente molto forte, nel gioco aereo è determinante, ma anche con la palla è fantastico. Può fare assist e segnare gol. Ha un ottimo tiro ed è un giocatore che migliora ogni anno. Ha tutte le qualità per giocare ai massimi livelli. Di sicuro, è uno dei migliori giocatori con cui ho giocato. Immobile ha segnato molti gol per molte stagioni. Di sicuro è nella lista dei 10 migliori attaccanti del mondo o tra i primi cinque perché ogni anno segna. Ora ne ha 25 in tutte le competizioni in questa stagione. Forse la gente non parla molto di lui, ma qui in Italia è probabilmente considerato il miglior attaccante del campionato. Ciro è un finalizzatore naturale. È raro che manchi il bersaglio, molto raro che il portiere pari. I suoi numeri parlano da soli. È il nostro capitano e un giocatore molto importante per il club. Luis Alberto? Era molto giovane quando è arrivato a Liverpool. Probabilmente non ha avuto la fortuna che ho avuto io con un tecnico paziente. La qualità ce l’ha sempre avuta, è uno dei migliori centrocampisti del campionato. Nella trequarti avversaria è incredibile”.

Informazioni su Mauro Simoncelli 297 Articoli
Vicedirettore di MondoLazio. Giornalista pubblicista dal 2004. Redattore di Lazialità e della trasmissione televisiva Lazialità in Tv su Teleroma 56 dal 2001. Conduttore dal 2014 di uno spazio sull'emittente Radio Incontro Olympia 105.8 in Fm. Collaboro attualmente con il sito all-news Notizie.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*