Luis Alberto: ” Sono troppo dispiaciuto e mi sento responsabile, ora testa al Napoli”

Il calcio è sempre capace di regalare  forti emozioni . Serate come questa lasciano l’amaro in bocca anche se si è potuta notare una Lazio motivata e determinata nel cercare di  portare a casa il risultato che sarebbe valso la qualificazione agli ottavi di Europa League. Sicuramente, rispetto alla gara dell’andata ad Oporto,  un approccio diverso per tutta la durata della partita da parte degli uomini del Comandante. La crescita di una squadra passa anche da queste situazioni considerato che il calcio è fatto di episodi e di momenti da sapere sfruttare nel migliore dei modi. Al termine dell’incontro ai microfoni di Lazio Style Radio è intervenuto il centrocampista spagnolo Luis Alberto che ha rilasciato queste dichiarazioni:” La Lazio è la squadra che ha giocato meglio nelle due partite, poi è chiaro che le partite bisogna vincerle. Sono troppo dispiaciuto perché la squadra meritava questo passaggio e mi sento responsabile personalmente. Adesso testa alta, abbiamo dimostrato che possiamo giocarcela con chiunque, pensiamo a domenica dove giocheremo contro il Napoli sperando che la palla entri. Oggi è un giorno triste personalmente perché c’era tanto bisogno di centrare la qualificazione perché abbiamo bisogno di giocare in questa coppa. Negli ultimi due mesi e mezzo siamo cresciuti tanto fisicamente, con la palla nei piedi ed oggi l’abbiamo interpretata bene, non era semplice considerato che si chiudevano  senza lasciare tanti spazi. Il rigore assegnato al Porto era un po’ dubbio, ci ha fatto un po’ male, ma anche quando stavamo perdendo 1-2 la squadra era comunque sul pezzo ed è riuscita a mettere in difficoltà l’avversario creando molte occasioni. La squadra sulle ammonizioni non effettuate sugli avversari si era un po’ innervosita ma era riuscita a pareggiare negli ultimi minuti. Ringrazio tutti i tifosi per essere venuti allo stadio , è una serata difficile considerato che domani vanno al lavoro e li capisco. Ora daremo il massimo in campionato”.

Dylan Angrisani

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*