Lazio, la rimonta è possibile

Tra poche ore la Lazio scenderà in campo allo stadio Olimpico contro il Porto nel ritorno del playoff di Europa League e dovrà rimontare il gol di svantaggio di Oporto. Senza la regola dei gol doppi in trasferta abolita proprio da questa stagione dalla Uefa, la squadra di Sarri è chiamata a vincere con almeno due gol di vantaggio. Missione non facile ma già accaduta in 4 precedenti occasioni, di cui proprio contro una squadra portoghese. Il primo risale alla prima apparizione assoluta in una partita Uefa ufficiale, trentaduessimi di finale della Coppa Uefa 1975-76, quando la Lazio perse 1-0 in casa del Chernomorets di Odessa e poi rimontò a Roma con un secco 3-0 maturato ai tempi supplementari grazie alla tripletta di Chinaglia. Il secondo precedente è proprio contro una squadra portoghese, il Boavista nei sedicesimi di finale sempre della Coppa Uefa 1977-78. Anche qui, dopo aver perso 1-0 in Portogallo i biancocelesti, in una inedita maglia rossa, nel ritorno dell’Olimpico surclassarono gli avversari infliggendogli un rotondo 5-0 con ancora una tripletta questa volta di Giordano e una doppietta di Garlaschelli e superando così il turno. Nella stagione 2001-02 la Lazio perse 2-1 il preliminare d’andata di Champions League in casa del Copenaghen e poi ribaltò la qualificazione ai gironi grazie al 4-1 del ritorno. L’ultima rimonta risale al febbraio 2018 in Europa League con Lazio sconfitta 1-0 a Bucarest dalla Steaua e, dopo una settimana, 5-1 all’Olimpico con l’ennesima tripletta a scandire la rimonta questa volta di Immobile più un gol di Felipe, Anderson e di Bastos.

Informazioni su Mauro Simoncelli 295 Articoli
Vicedirettore di MondoLazio. Giornalista pubblicista dal 2004. Redattore di Lazialità e della trasmissione televisiva Lazialità in Tv su Teleroma 56 dal 2001. Conduttore dal 2014 di uno spazio sull'emittente Radio Incontro Olympia 105.8 in Fm. Collaboro attualmente con il sito all-news Notizie.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*