Lazio, Sarri meno sarrista

Fiorentina – Lazio 0-3, viola dominata dalla metà del primo tempo, annichilita dal possesso palla dei biancoceleste finalizzato a stanare gli avversari per poi lanciare le frecce laziali negli spazi lasciati vuoti dagli avversari attratti dal giro palla davanti a Strakosha. E’ la nuova frontiera del sarrismo, quello finalizzato a sfruttare le enormi capacità degli interpreti che oggi allena l’allenatore ex Napoli, soprattutto quelle di un bomber implacabile come Ciro Immobile capace letteralemente di esaltarsi se lanciato negli spazi: “Questa squadra ha un centravanti che da 4-5 anni segna oltre 30 gol a stagione – spiega – bisogna partire dalle sue caratteristiche. In certi aspetti abbiamo fatto vedere quello che proviamo in allenamento. Abbiamo dei giocatori bravi anche a ripartire, a volte preferiamo aspettare più bassi per avere spazi da attaccare. Le caratteristiche degli attaccanti determinano il modo di giocare”. Forse la rivoluzione che aspettavamo è arrivata davvero ma è dovuta passare per una rivoluzione anche mentale del proprio allenatore che, una volta inquadrato cosa riusciva meglio ai suoi nuovi uomini, ha adattato le sue idee e ieri il tutto è esploso fragorosamente davanti a quell’Italiano che molti volevano proprio al posto di Sarri sulla panchina della Lazio. Non sarà finito qui il processo di rivoluzione culturale in atto nella Lazio, arriveranno altri momenti non facili, ci sarà bisogno di altre controprove, ma dalle dichiarazioni dei protagonisti, dalla voglia di sorridere e di mettere a disposizione dei suoi calciatori tutto il suo sapere dell’allenatore, il futuro potrebbe essere davvero quello che sognavamo all’arrivo di un allenatore mai così vincente e carismatico sulla panchina della nostra Lazio. Bisognava avere solo pazienza e il sarrismo vecchio o nuovo che sia, tornerà a far divertire come ha fatto divertire tutti i tifosi della Lazio che da ieri sera si stanno ancora stropicciando gli occhi davanti alle giocate senza paura di tutti i giocatori in maglia celeste in campo. “La strada intrapresa può essere quella giusta” lo ha detto Sarri a fine partita e noi mai come stavolta siamo portati a crederci

Informazioni su Mauro Simoncelli 295 Articoli
Vicedirettore di MondoLazio. Giornalista pubblicista dal 2004. Redattore di Lazialità e della trasmissione televisiva Lazialità in Tv su Teleroma 56 dal 2001. Conduttore dal 2014 di uno spazio sull'emittente Radio Incontro Olympia 105.8 in Fm. Collaboro attualmente con il sito all-news Notizie.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*