FOCUS – Luiz Felipe e Zaccagni in Azzurro, tutti i “Lazionali” della storia.

In vista dei prossimi spareggi della nazionale, ultimo treno per Qatar 2022, il Commissario Tecnico Roberto Mancini, ha convocato due nuovi biancocelesti per uno stage a Coverciano. Si tratta di Mattia Zaccagni e Luiz Felipe che raggiungono Ciro Immobile e

Francesco Acerbi (infortunato) nel giro della nazionale. Con le ultime “new entry” diventano 52 i calciatori che la Lazio ha dato alla Nazionale nel corso della storia.

Dal suo debutto nel 1910 a oggi, la Nazionale italiana ha potuto contare su 52 calciatori biancocelesti. Il primo giocatore della Lazio ad essere convocato in Nazionale è stato Fulvio Bernardini in occasione dell’incontro amichevole del 22 marzo 1925 contro la Francia, vinto nettamente dagli azzurri per 7-0. Poi fu la volta di Ezio Sclavi e dei primi due campioni del Mondo, Anfilogino Guarisi (Italia 1934) e il bomber Silvio Piola (Francia 1938). Baldo, Gabriotti e Antonazzi vestirono successivamente la maglia azzurra mentre nei Mondiali brasiliani del 1950 vennero convocati Furiassi, Remondini e Sentimenti IV. Nel 1974 fu la volta dei tre campioni d’Italia Chinaglia, Re Cecconi e Wilson, chiamati dal C.T. Valcareggi per la spedizione mondiale in Germania. Nel 1978, in vista della successiva rassegna iridata, Manfredonia è stato l’unico rappresentante laziale nella compagine azzurra. Da lì si passa agli anni ’90, quando Casiraghi, Di Matteo, Marchegiani e Signori sono stati chiamati a far parte della spedizione azzurra ai Mondiali statunitensi del 1994. Due anni dopo, per gli Europei del 1996, vennero convocati nuovamente Di Matteo e Casiraghi, ma questa volta insieme a Fuser e Nesta.

Dal nuovo millennio, Alessandro Nesta è stato senza dubbio uno dei punti di forza della Nazionale, tanto da risultare il laziale più presente di sempre con 47 partite disputate durante la sua esperienza nella Prima Squadra della Capitale. Durante gli  Europei del 2000 venne convocato anche Paolo Negro, mentre Roberto Baronio fu rappresentante biancoceleste alle Olimpiadi di Sydney. L’Europeo del 2004 rappresenta la competizione durante la quale la compagine azzurra presenta il maggior numero di giocatori laziali, ben cinque: Corradi, Favalli, Fiore, Oddo e Peruzzi. Questi ultimi due hanno fatto parte anche della spedizione azzurra campione del mondo nel 2006. In occasione delle Olimpiadi di Pechino del 2008 sono stati convocati De Silvestri e Rocchi, mentre Candreva e Marchetti sono stati rappresentanti laziali con la casacca azzurra in occasione della Confederations Cup 2013. Nei Mondiali del 2014, è stato convocato il solo Candreva. Lo stesso Candreva e Parolo sono gli unici calciatori della formazione romana ad essere convocati in occasione degli Europei del 2016. Nel 2017, Immobile e Parolo fanno parte del gruppo del C.T. Ventura. Francesco Acerbi, nel 2020, conquista nuovamente la maglia azzurra grazie all’arrivo di Mancini affiancando il solo Immobile come rappresentante biancoceleste. Nell’ottobre del 2020, è Manuel Lazzari a vestire azzurro, l’esterno aveva già conquistato la nazionale quando giocava a Ferrara. L’ultimo laziale a conquistare la nazionale, prima di Luiz Felipe e Zaccagni è stato Danilo Cataldi che nel novembre scorso è stato chiamato a Coverciano in sostituzione degli infortunati Pellegrini e Zaniolo. 

Antonio Frateiacci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*