Lazio: il calendario da incubo dopo la sosta scatena il malumore di Sarri

Roma – Il 5 Febbraio la Lazio tornerà in campo per affrontare la Fiorentina, quattro giorni dopo avrà davanti il Milan per la gara di Coppa Italia, dopo tre giorni il Bologna in campionato. Il calendario torna ad essere un ostacolo al cammino che Sarri sta intraprendendo alla Lazio, il poco tempo a disposizione per lavorare con la squadra durante le settimane occupate da partite non permette al tecnico toscano di trasmettere a pieno la propria idea di calcio ai giocatori. Inoltre, le difficoltà delle rosa nel ritrovare energie dopo delle gare ravvicinate è più che evidente, come riporta l’edizione odierna del Corriere dello Sport la media punti, con le coppe, è di 0,7 a partita, dato preoccupante, ma sicuramente motivato. In questo caso, tra i match citati in precedenza, le ore per recuperare saranno solamente 64. Il motivo di un calendario del genere risale ad un altro impegno sportivo. Il 13 Febbraio, dopo Lazio-Bologna, all’Olimpico, infatti, si giocherà Italia-Inghilterra, match di rugby valevole per il Sei Nazioni. La data della gara, nota dal 28 Aprile scorso, ha influito in negativo su una programmazione di base non così semplice, ma a non beneficiarne è stata di nuovo la Lazio. Tra condizioni del campo potenzialmente pessime e il poco respiro tra i match, il progetto biancoceleste rischia di cadere di nuovo in affanno, starà al Comandante Sarri trovare le migliori soluzioni possibili per rimanere in corsa in campionato.

Edoardo Colletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*