Occasione sprecata, all’Olimpico finisce a reti bianche. Lazio-Atalanta 0-0

Roma – La Lazio perde una chance d’oro, il match con l’Atalanta termina 0-0. Gara bloccata nel primo tempo, nessun tiro in porta, al rientro in campo i biancocelesti ci provano con tutte le forze. Sfortunato Zaccagni, uno dei migliori in campo, a colpire il palo da solo in area di rigore. I bergamaschi, nonostante le tante assenze, hanno giocato una partita attenta in difesa ed organizzata in mezzo al campo, Demiral e compagni hanno bloccato tutti i tentativi degli uomini di Sarri. La Lazio esce dall’Olimpico con un punto che sa d’amaro, ora ci sarà la sosta, utile a recuperare gli assenti ed a preparare la gara del 6 Febbraio con la Fiorentina.

Avvio – L’avvio di gara vede partire forte l’Atalanta nonostante le tante assenze, pressando alta la Lazio quando quest’ultima prova ad impostare dal basso. La richiesta immediata di Sarri è di giocare velocemente, solo due tocchi per i biancocelesti per evitare le marcature dei neroazzurri. I primi minuti vedono le due squadre studiarsi a vicenda, l’importanza della partita porta Lazio ed Atalanta a muoversi con cautela, evitando di scoprirsi e concedere spazi agli avversari. Le occasioni da entrambe le parti non arrivano, la Lazio sviluppa bene il gioco ed ha in mano il possesso palla, ma è l’intensità fisica a fare da padrona nel primo tempo. I movimenti a rientrare del recuperato Zaccagni mettono spesso in apprensione la difesa atalantina, costringendo Djimsiti e compagni a ricorrere al fallo per fermare l’ex Hellas. Dopo alcuni inserimenti nell’area di rigore avversaria, la Lazio al 37′ corre un rischio in area di rigore, il cross di Zappacosta in area viene respinto e finisce sui piedi del 2003 Scalvini che calcia di prima, il suo tiro viene fortunatamente murato da Luiz Felipe. Gli uomini di Sarri rispondono un minuto dopo in contropiede con una conclusione di Milinkovic che finisce alta sopra la traversa, l’unico squillo dei biancocelesti in un primo tempo che si conclude senza ulteriore recupero e senza tiri nello specchio della porta.

Secondo tempo – La Lazio rientra campo con il piglio giusto, ma la prima offensiva del secondo tempo è dell’Atalanta, con Pessina che calcia debolmente dal limite dell’area, il pallone deviato viene tranquillamente bloccato da Strakosha. I biancocelesti alzano subito il baricentro, ci prova Immobile di testa su un cross di Marusic ma l’incornata spedisce la palla sul fondo di molto, subito dopo Milinkovic spreca un’imbeccata perfetta di Hysaj in area fallendo lo stop. I ritmi di gara si alzano e le squadre cominciano ad allungarsi, dando spazio a contropiedi da una parte e dall’altra. Al 63′ arriva l’occasione più grande per la Lazio. Un cross dalla linea di fondo del solito Milinkovic-Savic arriva a Zaccagni che, al centro dell’area, stoppa e calcia di potenza con il destro, la conclusione si stampa sul palo ed esce dall’area, decimo legno collezionato dai biancocelesti in stagione. Anche Miranchuk prova il break sull’azione successiva, saltando Leiva e calciando a giro dal limite sfiorando di poco il gol. Sarri prova ad aumentare ulteriormente il potenziale offensivo inserendo Lazzari al posto di Hysaj.

Finale – La Lazio continua a spingere, al 73′ Marusic ci prova su una respinta da calcio d’angolo, il destro del montenegrino sfiora l’incrocio dei pali. Il forcing biancoceleste ed il tenere di conseguenza una linea alta costringono Mister Sarri a sostituire un opaco Luis Alberto con Basic, utile a dare più copertura e sostegno a Leiva. Le discese di Lazzari impegnano spesso l’Atalanta, l’ex Spal fa guadagnare campo ai compagni e provoca l’ammonizione del subentrato Toloi. Gli ultimi minuti mostrano una Lazio stanca e provata anche dalla gara infrasettimanale con l’Udinese, non riuscendo più a creare alcun pericolo. Al terzo minuto di recupero, Sozza fischia la fine, 0-0 tra Lazio ed Atalanta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*