Lazio, Sarri:”Sergey un grande, Ciro implacabile. Finalmente abbiamo trovato quella continuità cercata a lungo”

Maurizio Sarri ai microfoni di Dazn spiega cosa gli è piaciuto della vittoria della sua Lazio a Salerno e il momento che sta attraversando la squadra: “Ho avuto la fortuna di allenare tanti grandi centrocampisti, Kante, Kovacic, Hamsik quelli della Juve, Sergey rientra tra questi anche perché negli ultimi due mesi ha fatto un percorso di crescita che lo porterà a salire ancora di livello. Ora è molto più concreto nel modo di giocare, perde meno palloni e meno contrasti perché gioca con molta più convinzione poi le qualità fisiche che ha lo rendono impressionante. Noi stiamo facendo dei passi in avanti in quello che cerchiamo da tanti mesi, non a caso abbiamo fatto 10 punti nelle ultime 5 partite, l’unica persa è quella di Milano contro l’Inter con una discreta prestazione. Quindi abbiamo finalmente trovato un minimo di continuità. Purtroppo però sappiamo che, in questo periodo, l’esito delle partite dipendono da mille fattori tra cui la problematica Covid su tutti. Ti trovi ad aver preparato la partita in un certo modo e all’improvviso devi cambiare tutto. Spero davvero che rimanga intatta almeno questo minimo di continuità che finalmente abbiamo trovato. La squadra si prepara bene, svolge sempre dei buoni allenamenti, però certe volte non riesce ad arrivare all’evento con la giusta concentrazione e determinazione, però se togliamo le sei partite fatte dopo l’Europa League, la classifica diventa molto più interessante. Purtroppo questa energia mentale che spendiamo il giovedì abbiamo il limite di non riuscire a recuperarle nelle ore che ci separano dalla partita successiva. Ciro Immobile secondo ha fatto anche un passo avanti nel giocare per la squadra, poi in area di rigore resta fenomenale. L’attacco alla profondità è la sua arma migliore ora però ci ha messo anche dei miglioramenti nell’andare incontro al pallone e aprire il gioco per gli inserimenti dei compagni, senza sacrificare il suo rendimento sotto porta. Lazzari purtroppo paga questo difficile inizio di stagione della fase difensiva, lui è molto più bravo a spingere che a difendere e ad un certo punto non ci siamo più potuti permettere le sue caratteristiche in campo, sperando però di potercele finalmente permettere in futuro. Sto cominciando a studiare per capire meglio questo indice di liquidità, certo mi continua ad essere difficile capire come società indebitate hanno invece questo indice a posto. Vediamo quello che accadrà sul mercato, sappiamo bene che se non esce nessuno siamo costretti ad andare avanti con questo giocatori, la società sa bene quello di cui abbiamo bisogno, se lo facciamo subito abbiamo il resto della stagione per arrivare pronti il prossimo anno, altrimenti saremmo costretti a farlo a luglio”

Informazioni su Mauro Simoncelli 295 Articoli
Vicedirettore di MondoLazio. Giornalista pubblicista dal 2004. Redattore di Lazialità e della trasmissione televisiva Lazialità in Tv su Teleroma 56 dal 2001. Conduttore dal 2014 di uno spazio sull'emittente Radio Incontro Olympia 105.8 in Fm. Collaboro attualmente con il sito all-news Notizie.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*