Mercato: spunta Rojas per la difesa, anche il CSKA su Muriqi.

Roma – La Lazio continua a lavorare sul mercato per inserire soluzioni diverse all’interno della rosa allenata da Mister Sarri. I troppi gol subiti fino ad ora sono segnale della necessità di intervenire sul reparto difensivo, orfano, inoltre, per un mese di Francesco Acerbi. Le piste che portano a Casale e Parisi sono bloccate, spunta dunque il nome di Robert Rojas, difensore centrale, all’occorrenza terzino, del River Plate. I rumors, confermati dal sito argentino tycsports.com e da versus.lanacion.com, parlano di un interesse dei biancocelesti e della Roma per il centrale paraguaiano dei Millionarios, il cui contratto scadrà a Dicembre del 2023. Classe ‘96 (25 anni), Rojas è stato acquistato dal River per un milione dal Guaraní nel 2019. È un difensore centrale atipico per la sua statura (1,76cm), ma la velocità e la bravura nel marcare e giocare d’anticipo lo hanno reso un uomo cardine della squadra di Marcelo Gallardo. La valutazione del paraguaiano si aggira intorno ai 5 milioni, percepisce uno stipendio di circa 500.000 euro a stagione, cifre alla portata dei biancocelesti.

Uscite – Le entrate rimangono chiaramente vincolate da almeno una cessione remunerativa che possa sbloccare l’indicatore di liquidità. Di conseguenza i vari prestiti ufficializzati in questi giorni, come ultimo quello di Fares, non cambiano la situazione di stallo. Il giocatore più attenzionato nella rosa laziale al momento è Vedat Muriqi, sulla lista dei partenti già da molto tempo. Dall’Inghilterra, dopo l’interesse del Leeds United, è sembrato passare in vantaggio nella corsa al kosovaro il West Bromwich. Oggi, secondo il giornalista turco Ertan Suzgun, dalla Russia si sarebbe aggiunta una pretendente: il CSKA Mosca. Le pretese di Lotito per lasciar andare Muriqi si sarebbero abbassate, un passo indietro per il bisogno di fare subito mercato. Basterebbero 10 milioni di euro per acquistare a titolo definitivo l’attaccante, ormai già lontano da Roma dopo aver anche smesso di seguire il profilo Instagram della società.

Edoardo Colletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*