Formello – Verso Salerno: assenti Basic e Radu, Zaccagni in vantaggio su Anderson.

Formello – Si è conclusa l’ultima seduta di allenamento per la Lazio che domani alle 18 affronterà all’Arechi la Salernitana, fanalino di coda del campionato. Per gli uomini di Sarri domani sarà una gara tutt’altro che semplice, nell’ultimo turno i campani hanno ottenuto tre punti vincendo fuori casa con l’Hellas Verona. In più, il tecnico toscano dovrà fare a meno di alcuni elementi importanti, sia tra i titolari che tra le riserve.

Assenti – Da registrare il rientro in gruppo di Pepe Reina ed Elseid Hysaj, entrambi assenti ieri insieme a Basic e André Anderson che non hanno recuperato per l’allenamento odierno. Oltre a quest’ultimi, non si è visto sul terreno di Formello neanche Stefan Radu, possibile un suo forfait a Salerno. Ne avranno per un mese, invece, i lungodegenti Akpa Akpro e Acerbi, fermi rispettivamente per polmonite e infortunio muscolare. Regolarmente in campo un Vedat Muriqi dato ormai per partente, dati i vari rumors di mercato che lo vedrebbero sempre più vicino ad un trasferimento in Inghilterra.

Scelte – Le numerose defezioni in vista della gara contro la Salernitana costringeranno Sarri a delle scelte obbligate, specie in difesa e a centrocampo. Strakosha confermato tra i pali, al centro della difesa agirà Patric, nonostante sia stato provato Hysaj al suo posto oggi, vicino a Luiz Felipe. L’albanese dovrebbe quindi prendere posto a destra, con Marusic pronto ad agire sul versante sinistro. Milinkovic e Cataldi, certezze dal primo minuto, verranno affiancati quasi sicuramente da Luis Alberto data l’assenza di Toma Basic. L’unico dubbio rimasto a Sarri riguarda lo schieramento di uno tra Zaccagni e Felipe Anderson per completare il tridente offensivo con Pedro e Immobile, con l’ex Hellas al momento in vantaggio sul brasiliano.

Probabile Formazione:

Lazio (4-3-3): Strakosha; Hysaj, Luiz Felipe, Patric, Marusic; Luis Alberto, Cataldi, Milinkovic-Savic; Zaccagni, Immobile, Pedro.

Edoardo Colletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*