FOCUS – Luis Alberto, i numeri del mago che vuole riprendersi il centrocampo

Roma – Complice lo stop di Basic, Luis Alberto dovrebbe tornare tra gli undici titolari nella sfida in programma sabato pomeriggio alle 18:00 allo stadio Arechi di Salerno. Proprio i granata, contro cui, fece una buona gara all’andata trovando anche la rete del definitivo 3-0 grazie ad un colpo da biliardo dopo un assist al bacio di Felipe Anderson. Al “El Diez”, dopo un inizio di stagione non esaltante, veniva chiesto di dare qualcosa in più in fase di non possesso; Dopo il ritiro, dalla gara contro la Fiorentina, lo spagnolo cambia registro e dimostra abnegazione. Tanto che al termine della sfida contro i granata di Colantuono dichiara: “Per quanto mi riguarda mi si chiedeva di difendere di più, credo che sto imparando a fare entrambe le fasi, ma devo ancora migliorare.”

Numeri – L’andaluso è stato impiegato da Sarri in 19 gare su 21 disputate in campionato. Tre le reti messe a segno mentre 6 sono gli assist forniti ai compagni. In Europa League ha preso parte a tutte e sei le gare disputate dai biancocelesti, senza però partecipare a nessuna rete. La gara più significativa è rappresentata da Lazio-Spezia, alla seconda di campionato; Nell’esordio di Sarri all’Olimpico, il numero dieci fornisce ben tre assist e sigla la rete del 6-1 finale. Altro assist, importante, è quello per Milinkovic; Cross perfetto grazie al quale il serbo chiude la contesa contro l’Inter segnando il 3-1. La seconda rete stagionale arriva nella gara interna contro la Salernitana; Un colpo da biliardo che sbatte sul palo e si insacca in rete. Sontuoso spezzone di gara contro il Genoa all’Olimpico; Lo spagnolo entra al 63’ e fornisce due assist in 6 minuti; Al 75’ pennella da corner sulla testa di Acerbi che segna il 2-0. All’81’, invece serve a Zaccagni la palla per il 3-0, con un tocco da vero mago. La terza e ultima rete è quella siglata al Penzo; Milinkovic restituisce il favore, scodella in area per il numero 10 che controlla e batte il portiere veneziano. 

Antonio Frateiacci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*