Lazio, Reina:” Non penso al ritiro, amo quello che faccio”

Pepe Reina, il portiere spagnolo approdato da due stagioni alla Lazio, si è raccontato ai microfoni di FourFourTwo Magazine passato, presente e futuro prossimo: “Il segreto della mia longevità sta nell’amare davvero quello che faccio. Sono arrivato l’anno scorso come portiere di riserva, cercando di dare una mano ai ragazzi e aiutando Thomas Strakosha a crescere. Poi, improvvisamente, a causa del Covid-19 e del suo forfait per cinque partite, sono “salito” nella gerarchia. A quel punto l’allenatore, Simone Inzaghi, ha deciso di invertire i ruoli e sono rimasto il titolare per il resto della stagione. Il rammarico della Champions League sfumata resta grande, volevo vincerla per me, per i miei compagni di squadra, per mio padre. La Champions League deve una coppa alla famiglia Reina. Se non ce l’ha fatta mio padre e non ce l’ho fatta io, probabilmente sarà mio figlio a conquistarla. Luca gioca in porta nelle giovanili della Lazio, seguire le orme di suo nonno e suo padre, o almeno lo spero”.Amo il calcio, mi diverto ancora tanto ad essere un portiere. È uno stile di vita. La dedizione è l’aspetto più importante. Per essere ai massimi livelli uno, tre, quattro o cinque anni, il talento basta. Ma per vent’anni questo non è garantito. Non è facile. Non so per quanto tempo giocherò ancora. Forse tra un paio di anni, credo che quando non sentirò più le farfalle nelle stomaco sarà il momento di dire addio”

Informazioni su Mauro Simoncelli 295 Articoli
Vicedirettore di MondoLazio. Giornalista pubblicista dal 2004. Redattore di Lazialità e della trasmissione televisiva Lazialità in Tv su Teleroma 56 dal 2001. Conduttore dal 2014 di uno spazio sull'emittente Radio Incontro Olympia 105.8 in Fm. Collaboro attualmente con il sito all-news Notizie.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*