FOCUS – Difesa in emergenza, Acerbi out per un mese. I numeri dell’azzurro con la Lazio

Roma – Lesione al flessore della coscia sinistra; E’ questo l’esito degli accertamenti strumentali effettuati da Francesco Acerbi, costretto ad abbandonare il campo dopo una manciata di minuti nella gara contro l’Empoli il giorno dell’Epifania. Un esito che comporterà un lungo stop al centrale azzurro, che potrà tornare a disposizione di Sarri tra circa un mese. Un mese di stop, Acerbi, non l’ha mai fatto da quando veste la maglia della Lazio. Leone, così lo chiamano i compagni, ha sempre fatto della continuità di rendimento e della tenuta fisica una delle sue armi migliori. 

Indistruttibile – Acerbi arriva ad indossare l’aquila sul petto nell’estate del 2018, in sostituzione del partente Stefan De Vrij. Nella sua prima stagione in biancoceleste è costretto a saltare solamente una gara; Quella contro la Juventus per una ingiusta doppia ammonizione rimediata a Napoli. Tre reti nella prima stagione in biancoceleste; La prima a Udine quando sblocca la gara con un tap-in dopo una punizione. Il secondo contro la Samp all’Olimpico nella famosa gara pareggiata da Saponara al 96′, e il terzo contro il Cagliari, sempre a Roma e anche qui grazie a un tap-in sugli sviluppi di un angolo. Nella seconda annata a tinte biancocelesti, il numero 33 è costretto a saltare, per infortunio, solamente le ultime due gare prima della sospensione del campionato a causa della pandemia. La Lazio vince lo stesso in entrambe le occasioni. Due le reti stagionali; Il bel tiro da lontano contro il Torino all’Olimpico e il gol del pareggio nel Derby, complice la papera di Pau Lopez.

Cedimenti – Nella stagione scorsa, Acerbi aumenta il numero di gare saltate, 6 in campionato, tre all’andata e altrettante al ritorno. Senza il centrale azzurro la Lazio ottiene 2 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte.L’unica rete stagionale la sigla a Bergamo in coppa Italia quando, ai quarti, la Lazio esce sconfitta 3-2. Durante la stagione in corso, grazie alla follia di Bologna, è costretto a saltare, per squalifica, le gare contro Inter e Hellas Verona nel girone di andata, oltre all’ultima gara contro i nerazzurri. Tre reti messe a segno finora con due assist che impreziosiscono lo score; La prima marcatura risale alla gara casalinga contro l’Udinese quando sigla , di testa, la rete del momentaneo vantaggio. Poi due reti consecutive contro Genoa e Venezia.

Numeri – Complessivamente Acerbi ha disputato con la maglia biancoceleste 161 gare, siglando 9 reti e fornendo 7 assist ai suoi compagni. I numeri ci dicono che con lui in campo la Lazio ha ottenuto una media punti di 1,71 punti a gara, mentre in sua assenza il dato scende a 1,41. Lo stop in questo momento cruciale della stagione non ci voleva. Acerbi ha voluto forzare i tempi di recupero dopo l’infortunio rimediato a Venezia rimediando così un infortunio più grave. L’assenza, per altro, riguarda il reparto più in crisi in questo momento che, almeno fino alla prossima sosta, sarà costretto all’emergenza. Sarri, e i tifosi, chiedono rinforzi alla società, il mercato è aperto e sarebbe quasi delittuoso non intervenire nel pacchetto arretrato.

Antonio Frateiacci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*