Sarri a Lazio Style: “Risultato che non ci soddisfa. Raramente ho visto fare una ripresa così alle mie squadre.”

Dopo il pareggio interno maturato contro i toscani dell’Empoli, il tecnico biancoceleste Maurizio Sarri ha commentato così la gara ai microfoni del canale tematico biancoceleste:

Due punti persi? -“È un risultato che non ci soddisfa perché la squadra ha fatto una grande partita, di qualità e produzione offensiva. Abbiamo fatto tanti tiri in porta e creato occasioni. Se al decimo minuto stai sotto 2-0 qualche problemino c’è. Sono contento della squadra dal punto di vista caratteriale. C’è stata una reazione veemente e reagito bene. Abbiamo abbassato la testa e continuato a giocare. Abbiamo giocato un secondo tempo di grandissimo livello creando palle gol in maniera limpida. Ci dobbiamo chiedere come mai abbiamo preso due gol in dieci minuti e perché abbiamo preso gol al secondo tempo quando sono entrati una volta in area. Queste prestazioni non possono finire con un pareggio. Sul gol di Patric, dalla panchina, guardando il video Var, ho avuto la sensazione che l’avesse presa con il fianco. Ma bisogna fidarsi del Var e basta”.

Rigore su Zaccagni? “Mi sembrato solare e mi pare strano che non si vada a vedere. Abbiamo avuto tanti episodi sfavorevoli tra cui il rigore sbagliato. Per alcuni aspetti possiamo essere soddisfatti, per altri meno. Non si possono non vincere le partite se giochi cosi. Bisogna fare qualcosa in più al livello di attenzione e applicazione. Sul rigore del primo gol tutti e tre i centrocampisti erano a destra. Siamo quasi ingenui in certe situazioni. Dobbiamo avere più equilibrio ma al livello di qualità siamo andati bene. Il secondo tempo di oggi l’ho visto fare raramente alla mie squadre”.

Zaccagni? “Mattia sta bene fisicamente ed è in fiducia. È un giocatore completo che recupera anche in fase difensiva. È molto importante per noi. Abbiamo la fortuna di avere lui Pedro e Felipe che oggi è tornato su livelli considerevoli. È uno dei nostri reparti più competitivi”.

Gol subiti? “Il primo gol è una disattenzione. Il terzo avevamo chiuso l’avversario alla bandierina ed è entrato come se fossimo burro. Capisco che era ammonito Luiz Felipe e aveva un po’ di timore. Sono situazioni che si ripetono. Nell’uno contro uno difensivo siamo la peggior squadra del campionato, e non parlo solo dei difensori. Dobbiamo migliorare questo aspetto”.

Bicchiere mezzo pieno o più? “Comincia a essere pieno per quanto riguarda la qualità del gioco. Nelle ultime tre partita abbiamo fatto nove gol e creato tanto. Stiamo giocando con qualità. Abbiamo fatto azioni manovrate da dietro. Non è mezzo pieno per gli aspetti di cui ho parlato prima”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*