I Biancocelesti sbancano in laguna: è la prima della storia recente. Venezia – Lazio 1-3.

Venezia – Il 2021 della Lazio si chiude con un successo fuori casa. La gara con il Venezia finisce 1-3 per i biancocelesti. Avvio in discesa grazie al gol di Pedro, poi il pareggio di Forte ed un complicato finale di primo tempo. Ad inizio ripresa la rete di Acerbi indirizza il match, poi nel recupero il gol di Luis Alberto, partito dalla panchina, confeziona i tre punti. Ottima prova dei quattro difensori, tra cui Radu alla seconda gara da titolare in stagione. Secondo risultato utile consecutivo per la squadra di Sarri, la continuità necessaria per iniziare il nuovo anno al meglio.

Avvio – Passano appena tre minuti dall’inizio della gara e la Lazio passa subito in vantaggio. La linea alta del centrocampo veneto permette a Pedro di tagliare all’interno del campo in completa solitudine, con lo spagnolo che entra in area e dopo un pregevole doppio passo brucia Romero con il sinistro. Settimo gol in campionato per l’ex Roma, il quarto segnato con il mancino. Gara subito in controllo per i biancocelesti, dopo il vantaggio gli uomini di Sarri gestiscono il possesso e manovrano velocemente il pallone, andando vicini al raddoppio con una conclusione dalla lunga distanza di Basic, preferito a Luis Alberto dal primo minuto.

Pareggio – Dopo un’avvio convincente della Lazio, il Venezia alza il baricentro, attaccando spesso sul proprio versante destro e creando non pochi pericoli alla retroguardia laziale. È proprio da quel lato che nasce il gol del pareggio al minuto ‘31 firmato Francesco Forte. Mazzocchi si appoggia a capitan Aramu che crossa con il sinistro per il numero 9, torsione e colpo di testa che infila il pallone alle spalle di Strakosha.
Tanti errori in fase d’impostazione e poca precisione nei passaggi rendono prevedibile la manovra della Lazio, che tende a schiacciarsi nel finale della prima frazione di gioco. Pedro e Felipe Anderson provano a guidare delle ripartenze, ma senza impensierire più di tanto la difesa veneziana. Dopo i due minuti di recupero concessi, Maresca manda le squadre nello spogliatoio sull’1-1.

Secondo Tempo – Il secondo tempo comincia esattamente come il primo: terzo minuto, 1-2 Lazio. Una folata di Zaccagni sulla sinistra fa guadagnare un calcio d’angolo, Cataldi batte verso la porta ed un leggerissimo tocco di spalla di Acerbi devia la palla in rete per il suo secondo gol consecutivo in campionato. Zanetti inserisce subito Okereke e Busio per provare a stanare i biancocelesti, di nuovo forti del vantaggio ed in gestione del match. Mister Sarri risponde con l’ingresso di Leiva al posto di Cataldi, ammonito, per schermare le offensive avversarie. Sono poche le occasioni create da entrambe le parti, specie dopo un primo tempo intenso in cui le due squadre hanno speso molte energie fisiche.

Finale – Luis Alberto sostituisce Basic e la qualità si alza immediatamente. Il Mago di San Josè del Valle entra e duetta con Zaccagni ed il connazionale Pedro facendo spesso correre a vuoto i giocatori del Venezia. I tentativi dei padroni di casa partono sempre dagli esterni, ma tutti i cross s’infrangono sul muro laziale composto da Acerbi e Luiz Felipe. Nei minuti di recupero arriva anche un cartellino rosso ai danni del subentrato Tessmann per un intervento con il piede a martello ai danni di Luis Alberto. Proprio lo spagnolo, prima del fischio finale, firma il terzo gol della Lazio, chiudendo al volo un uno-due con Manuel Lazzari dall’interno dell’area di rigore. Tre punti per la Lazio che chiude il 2021 nel miglior modo possibile.

Edoardo Colletti

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*