FOCUS – Felipe Anderson al centro dell’attacco, un rendimento da Top player

Roma – Grazie alla vittoria contro il Genoa all’Olimpico la Lazio di Sarri torna a vincere e a convincere. A sbloccare la gara è la rete di Pedro al 36’. Al termine della sfida lo spagnolo ha dichiarato che il suo gol era tutto merito di Felipe Anderson. Il Brasiliano si accende con una splendida giocata e regala un cioccolatino al numero nove che deve solo insaccare. Buona la prova del brasiliano che nello specifico ha avuto il compito di sostituire l’assente Immobile, non uno qualsiasi.

Complice il malore del bomber campano, Felipe potrebbe scendere nuovamente in campo al centro del tridente biancoceleste a Venezia. Non un ruolo inedito per FA7 che già nella stagione 2017/18 ha giocato spesso lontano dalla fascia. Una stagione travagliata per Felipe che di fatto inizia a dicembre a causa di un infortunio e culmina con la delusione per il mancato piazzamento Champions all’ultima giornata e la cessione nella seguente sessione di mercato. Nonostante questo il brasiliano colleziona ben venti presenze come punta o seconda punta segnando otto  reti e fornendo otto assist ai compagni. Il culmine lo raggiunge nella gara contro l’Udinese all’Olimpico del 24 gennaio. Recupero della dodicesima giornata del girone di andata, Felipe è chiamato a sostituire l’infortunato Immobile al centro dell’attacco; gioca 90 minuti da prima punta con Milinkovic e Nani alle sue spalle, fornisce un assist al bacio al portoghese per il 2-0 e chiude la gara al 87 con una rete di destro. Come sostiene Sarri il brasiliano se “acceso” è devastante e i numeri lo dimostrano. I tifosi sognano di rivedere al più presto il Felipe di inizio stagione. 

Antonio Frateiacci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*