Lazio, Sarri: “L’Europa ci distrugge, è il nostro limite”

La sconfitta contri il Sassuolo è stata pesante, l’anticipo di domani contro il Genoa diventa un crocevia fondamentale per il futuro della Lazio di Sarri, soprattutto dopo le parole dure e circostanziate del presidente Lotito dell’altra sera. In conferenza stampa, Maurizio Sarri, ha parlato del momento della sua squadra e non solo: “Il messaggio di Lotito? La squadra si applica, non deve ricevere nessun messaggio. L’Europa League ci sta tritando per colpe nostre. Dopo il giovedì abbiamo una media punti di 0,6. Questo porta avere punti in meno rispetto alla normalità. La squadra non riesce a gestire gli impegni europei. È il nostro limite attuale. La differenza tra una squadra forte e normale sta tutta qua. Una formazione forte vince anche 1-0, noi invece arriviamo totalmente scarichi e non facciamo la partita. Questa squadra si allena sempre bene, con un buon livello di applicazione. Il limite è questo e non è da poco. L’obiettivo è fare una squadra giovane e che sia destinata, almeno in teoria, a crescere piano piano con un percorso. Poi nessuno sa dove possa arrivare il percorso, ma la strada più percorribile, nella nostra dimensione, è questa”.

“Mi aspetto che le prossime partite si giochino, nelle ultime non è stato fatto. Per noi è un discorso di togliere i difetti visti fino ad ora. Poi ovvio, se si migliora, anche la classifica ne risente. Voglio partite giocate sino in fondo. Il problema è inconscio, nessuno vuole arrivare ad un match scarico. E così è difficile capire la soluzione. La differenza, come detto prima, tra una squadra forte e una normale sta qui. Spero di recuperare Pedro, Luis Alberto e Zaccagni. Sembrano in fase di risoluzione, tre situazioni speriamo risolvibili”.

“Se la squadra fa bene il pubblico torna, se la squadra da questi segnali ci sono meno tifosi. Il pubblico deve essere la conseguenza di quello che facciamo. Questa è una squadra che ha fatto la Champions in un anno in cui mancavano Inter e Milan. Non esageriamo con questo obiettivo. Adesso, se rapporti a quello accaduto negli ultimi anni, la situazione è più complicata. Nelle teste dei giocatori ci deve essere solo il pensiero di togliere i difetti. Il Porto? Non lo guardo ora, non ci penso. Ci è toccata una squadra forte, ma difficile pensare che si potesse trovare una formazione semplice con questo regolamento. Abbiamo trovato una delle più forti. I difensori nostri possono avere delle maggiori difficoltà. C’è una cosa che salta all’occhio. Zaccagni, Pedro e Basic stanno facendo bene e sono arrivati da poco, non c’erano l’anno scorso. Il gioco è figlio di una squadra attivata e determinata. La base deve essere questa. Quando il livello di attivazione è basso, non ho mai visto una squadra giocare bene. L’esperienza di Napoli era tipo questa. Più veloce l’apprendimento, ma il fulcro era l’allenatore come accade qui. Ecco perché dico che ci vorrei rimanere e sto bene”.

Informazioni su Mauro Simoncelli 295 Articoli
Vicedirettore di MondoLazio. Giornalista pubblicista dal 2004. Redattore di Lazialità e della trasmissione televisiva Lazialità in Tv su Teleroma 56 dal 2001. Conduttore dal 2014 di uno spazio sull'emittente Radio Incontro Olympia 105.8 in Fm. Collaboro attualmente con il sito all-news Notizie.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*