E’ morto Giampiero Galeazzi una leggenda del giornalismo italiano

Il noto giornalista italiano Giampiero Galeazzi, si è spento all’età di 75 anni oggi nella sua casa romana. Malato da tempo se ne va un maestro di giornalismo sportivo che è entrato nel cuore degli italiani con le sue telecronache e con il suo modo gioioso di raccontare lo sport e il calcio in particolare. Leggendaria oltre che indimenticabile, quella che accompagnò i fratelli Abbagnale all’oro olimpico di Seul 1988, o quella del duo Rossi-Bonomi Sydney 2000. Conosciuto anche come Bisteccone, per via di una statura oltre la media, è stato anche uno dei volti più noti degli anni d’oro di Novantesimo Minuto con Paolo Valenti alla conduzione e della Domenica Sportiva. Assolutamente mitiche le sue interviste a Maradona, tutte le feste scudetto direttamente nello spogliatoio della squadra vincitrice e ilsuo racconto, assolutamente improvvisato, dei festeggiamenti dello scudetto della Lazio, la squadra di cui era dichiaratamente tifoso. Intento a raccontare il torneo di tennis (altra sua grande passione) dal Foro Italico, quel famoso 14 maggio non esitò a lasciare la postazione commento per incamminarsi verso lo stadio Olimpico dove tutti i tifosi della Lazio, dopo la vittoriosa gara contro la Reggina, attendevano con ansia spasmodica il termine della gara di Perugia dove era impegnata la Juventus di Ancelotti. L’ingresso di Galeazzi rigorosamente raccontato in diretta sugli spalti dello stadio abbracciato e circondato dai tifosi della Lazio nel momento esatto in cui “Collina dichiara concluso l’incontro” regalando il secondo scudetto della sua storia alla Lazio, resta indimenticabile.

Informazioni su Mauro Simoncelli 297 Articoli
Vicedirettore di MondoLazio. Giornalista pubblicista dal 2004. Redattore di Lazialità e della trasmissione televisiva Lazialità in Tv su Teleroma 56 dal 2001. Conduttore dal 2014 di uno spazio sull'emittente Radio Incontro Olympia 105.8 in Fm. Collaboro attualmente con il sito all-news Notizie.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*