Focus – O. Marsiglia vs Lazio, una sfida da dentro o fuori… dalla Francia

Roma – Marsiglia e Lazio si giocano il ruolo di antagonista del Galatasaray nel gruppo E di Europa League. Dopo le prime tre giornate i turchi guidati da Terim si trovano al comando del raggruppamento con 7 punti. Lazio e Marsiglia si trovano rispettivamente a 4 e 3 lunghezze, per questa ragione la gara di domani può considerarsi uno spareggio a tutti gli effetti. I francesi hanno conquistato solamente tre pareggi nelle prime tre gare del girone, mentre i biancocelesti hanno compromesso il girone nella prima gara di Istanbul. Sarà una sfida tra due allenatori “rivoluzionari” come Sarri e Sampaoli. Entrambi alla vigilia hanno dichiarato che si aspettano una gara difficile tra due squadre in forma dove ognuno  vorrà imporre il proprio calcio. 

Condizione – Dopo due pareggi consecutivi contro P.S.G e Nizza, i padroni di casa hanno ritrovato i tre punti nell’ultimo turno di Ligue 1 in trasferta contro il Clermont. Attualmente si trovano al terzo posto in classifica a nove lunghezze dal P.S.G. capolista e ad una lunghezza dal secondo occupato dal Nizza. I biancocelesti dopo la “Figura di merda” di Verona hanno saputo reagire bene conquistando i tre punti in casa contro un avversario difficile come la Fiorentina e andando ad un minuto dalla vittoria a Bergamo contro l’Atalanta. Ora come chiede Sarri c’è bisogno di dare continuità alle prestazioni al di là del risultato. Inoltre i biancocelesti non vincono una gara europea in trasferta da ben 10 gare tra Europa League e Champions League. L’ultima risale al 25 ottobre 2018 proprio al velodrome contro il Marsiglia

Ambiente – Trasferta vietata per i tifosi biancocelesti così come era stata vietata per i marsigliesi all’andata. A differenza della gara disputata a Roma, in questo caso il ministro dell’Interno francese ha voluto emettere un divieto alquanto offensivo nei confronti della Lazio, dei suoi tifosi e degli italiani tutti. Un comunicato che ha inevitabilmente scaturito una dura risposta ufficiale da parte della Società Biancoceleste. Appare quantomeno bizzarro che il ministro dell’Interno francese etichetti l’intero popolo laziale come “Fascista e Violento” quando proprio i gruppi organizzati del tifo Marsigliese si sono resi protagonisti di fatti violenti in numerose gare in questa annata. Ad esempio proprio nell’ultima gara di Europa League disputata al velodrome contro i turchi del Galatasaray gli Ultrà di casa diedero vita a disordini tali da sospendere per molti minuti la gara, al termine dei quali si registrarono 33 feriti e 5 arresti. Già nel gennaio di quest’anno i gruppi organizzati assaltano il centro di allenamento dell’Olympique per manifestare la delusione per i risultati. Per non parlare della gare di Ligue 1 contro Angers e Paris S. G. dove le gare sono state sospese anche più d’una volta prima di essere portate a termine. Una tifoseria violenta e pericolosa, quella marsigliese che ha costretto la Lazio a rinunciare al Pullman ufficiale perchè potrebbe essere oggetto di atti vandalici. Anche Sarri è stato chiamato in causa nella conferenza stampa di presentazione del match, e riguardo alla questione ha detto: ”Se fossi Lotito inviterei il ministro a vedere una partita della Lazio e capirebbe da solo che ha detto una cazzata”. Poche parole, pungenti, che racchiudono il pensiero, comune, del popolo laziale. 

Precedenti – Sono sette i precedenti tra queste due compagini. Un bilancio che è totalmente a favore dei capitolini con 4 vittorie, 2 i pareggi e una sola vittoria per i francesi che risale alla stagione 2005/06. Una statistica che fa ben sperare i tifosi laziali che desiderano, più che mai, vincere in terra francese per dare la caccia al primo posto del girone. 

Antonio Frateiacci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*