Lazio, Reina la monetina e la beffa dell’ammonizione

Siamo nei minuti di recupero di un combattuto Atalanta-Lazio, la squadra di Sarri sta meritatamente portando a casa una vittoria importantissima per la classifica ma soprattutto per l’autostima, grazie al gol numero 159, quello “della storia”, di Ciro Immobile, quando la porta di Pepe Reina, posta il settore più caldo della tifoseria bergamasca, viene sottoposta ad un incredibile lancio di qualsiasi oggetto. L’arbitro Guida, incredibilmente ammonisce Reina, colpevole di raccogliere gli oggetti che gli piovono intorno, fino ad essere colpito da una moneta in piena testa che lo costringe a piegare le gambe e restare in ginocchio per qualche istante. Con grande senso di responsabilità il portiere spagnolo riprende il suo posto tra i pali dopo essere stato medicato poi arriverà il gol del pareggio atalantino. I fatti accaduti però sono adesso al vaglio degli addetti ai lavori, l‘Atalanta per questo episodio rischia quindi, una multa e la chiusura del settore interessato (curva) se non addirittura di tutto lo stadio. Ancora una volta in Italia ci si trova a dover fronteggiare episodi che per nulla sono sinonimi dell’essenza dello sport. L’Atalanta rischia dalla squalifica del campo a una multa salatissima, mentre intanto la Lazio ha deciso di aspettare il verdetto del Giudice sportivo e di non fare alcun reclamo.

Informazioni su Mauro Simoncelli 295 Articoli
Vicedirettore di MondoLazio. Giornalista pubblicista dal 2004. Redattore di Lazialità e della trasmissione televisiva Lazialità in Tv su Teleroma 56 dal 2001. Conduttore dal 2014 di uno spazio sull'emittente Radio Incontro Olympia 105.8 in Fm. Collaboro attualmente con il sito all-news Notizie.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*