La migliore Lazio della stagione: la strada intrapresa è quella giusta

Un gol nel recupero del primo tempo, uno a pochi secondi dal termine della ripresa. Una grande Lazio, capace di imporre il proprio gioco sul campo dell’Atalanta e di ripetere per attenzione, concentrazione e spirito, la gara contro la Fiorentina, viene raggiunta dagli uomini di Gasperini e non riesce a portare a casa una vittoria che avrebbe meritato. E’ stata la più bella trasferta stagionale della Lazio. Che ha stradominato nel palleggio e nella cattiveria. Il risultato poteva essere migliore, ma la prestazione c’è stata e non può che lasciare soddisfatto Maurizio Sarri. Tante le note positive: Pedro che segna il secondo gol consecutivo, Immobile che raggiunge Piola ed entra nella storia, Cataldi che si conferma ad altissimi livelli.

Nel primo tempo la Lazio è quasi perfetta: così come era accaduto contro la Fiorentina, anche a Bergamo i biancocelesti controllano egregiamente la fase difensiva non concedendo neanche un’occasione agli avversari. Cataldi spadroneggia in regia, regalando ad Immobile l’assist che porta al gol di Pedro: lo spagnolo conferma il suo buon momento segnando la seconda rete consecutiva e la coppia Milinkovic-Luis Alberto funziona. Ma alla prima disattenzione i biancocelesti subiscono il pareggio: Marusic sbaglia il primo intervento, poi è incerto su Zapata che batte Reina da pochi passi.

Nella ripresa i biancocelesti continuano a giocare mantenendo il pallino del gioco e dopo aver sfiorato il gol con Immobile (miracolo di Musso) lo trovano grazie ad un contropiede perfetto, iniziato da Pedro, rifinito da Basic (ottimo il suo ingresso in campo) e concluso da Ciro, che vola sotto i tifosi biancocelesti a festeggiare il record di gol. Nel finale i cambi non aiutano. E forse rappresentano la nota più dolente. Senza Luis Alberto, Felipe Anderson, Immobile e Cataldi la Lazio perde qualità e subisce il gol del 2-2.

La Lazio c’è. La strada intrapresa è quella giusta: giocando sempre così, non sempre si subirà un pareggio nel recupero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*