Lazio – Fiorentina, i numeri della gara: Luis Alberto da record, qualità e quantità

Roma – “Per quanto mi riguarda forse è stata la miglior partita da quando sono allenatore della Lazio. Dopo la brutta sconfitta di Verona eravamo in difficoltà psicologicamente, quindi era anche difficile venir fuori ed applicare certi dettami tattici, invece i ragazzi hanno avuto coraggio e abbiamo portato a casa un’ottima prestazione”, Sarri non ha dubbi i numeri confermano un miglioramento nel suo gioco. La Lazio contro la Fiorentina ha fatto intravedere maggiormente l’assimilazione del sarrismo, soprattutto nell’essenzialità della pressione e della manovra difensiva. I biancocelesti hanno perso palla su pressione avversaria solamente 2 volte in tutta la gara, hanno il migliore score di contrasti riusciti, 12 a 6, tra cui spiccano i dati di Felipe Anderson (4) e Luis Alberto(2). Nonostante questo la Lazio mette insieme 3 occasioni da gol nitide, con 2 tiri in porta ed 1 gol. L’equilibrio tra difesa ed attacco si vede anche nel mantenimento del baricentro, sempre in media più alto rispetto alle partite precedenti.

DatiLa Lazio è la squadra che in campo ha corso di più (116 km a 110 km), dati impressionanti se si pensa alla media di serie A che si ferma sempre intorno ai 108 km a partita e progresso netto rispetto all’ultima gara disputata a Verona dove i biancocelesti si sono fermati a 103 km. Il giocatore che ha corso di più, neanche a dirlo, Luis Alberto che ha totalizzato 12,5 km (di cui oltre 8,5 di corsa e 1,5 di sprint), esattamente quello che gli chiedeva Sarri e che si auguravano i tifosi. Lo spagnolo mette insieme anche 3 recuperi su un totale di 56 palloni giocati e una percentuale di riuscita di passaggio che sfiora l’84%. Tra i migliori a livello tattico, contro i Viola, c’è anche Felipe Anderson, che se paga qualcosa in fase offensiva, comunque in fase di non possesso totalizza 4 recuperi e ben 2 contrasti contro avversari riusciti. Da sottolineare, ma questa non è una novità, anche la prestazione di Milinkovic, che fa registrare un assist, oltre 10 km percorsi (di cui quasi 9 in corsa), il record di dribbling nella partita (ben 3), 7 recuperi e l’80% di passaggi riusciti. In attesa di Gasperini, Sarri può sorridere.

Alessio Aliberti

1 Commento

  1. Ottima analisi…ma un inizio di Sergej disastroso,poi si è ripreso alla grande,ma tutta la squadra ha sofferto il gioco dinamico e veloce dei viola.Benissimo il risultato…meno il gioco.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*