Lazio, si valuta il ricorso per l’espulsione di Luis Felipe

Non si placano le polemiche per il convulso finale di Lazio – Inter di sabato scorso, anzi in casa Lazio monta ora dopo ora la rabbia per l’assurda gestione da parte dell’arbitro Irrati delle due situazioni “calde” durante bla partita. Come riporta l’edizione online de Il Messaggero, la società non ha affatto gradito la baraonda che ha portato all’espulsione di Luiz Felipe. Sicuramente il brasiliano ha peccato d’ingenuità nell’esultanza con l’amico (ex?) Correa, ma ora il club capitolino valuta il ricorso a prescindere. La decisione definitiva verrà presa domani quando uscirà il comunicato del giudice sportivo, che potrebbe comminare una o due giornate, a seconda di quello che ha scritto l’arbitro Irrati sul referto a proposito della condotta del difensore centrale. Eppure a Formello si medita comunque di reagire, anche se dovesse essere inflitta la pena (un turno di stop) minore. Le immagini viste e riviste dell’aggressione, fisica e non solo verbale, a Felipe Anderson dopo il gol segnato dal brasiliano con Dimarco a terra per un contrasto con Leiva, sul quale era stato concesso il vantaggio per l’Inter. In quella circostanza sia Dumfries che Handanovic strattonano e spingono il numero 7 biancoceleste, sono “violenti” senza incorrere in alcuna espulsione. Insomma, il ricorso si baserebbe sulle due diverse misure applicate. Inoltre lo stesso spogliatoio biancoceleste sarebbe furioso con l’ex compagno reo di non aver fatto nulla ne durante i minuti concitati del finale di partita ne il giorno seguente per spiegare la reale motivazione della cosa, anzi aumentando rabbia e rammarico con un comunicato a dir poco deludente.

Informazioni su Mauro Simoncelli 295 Articoli
Vicedirettore di MondoLazio. Giornalista pubblicista dal 2004. Redattore di Lazialità e della trasmissione televisiva Lazialità in Tv su Teleroma 56 dal 2001. Conduttore dal 2014 di uno spazio sull'emittente Radio Incontro Olympia 105.8 in Fm. Collaboro attualmente con il sito all-news Notizie.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*