Farris, ex capitano e pupillo di Sarri

50 anni appena compiuti, milanese di nascita, Viterbese di adozione Nella Tuscia ha chiuso la carriera di calciatore e messo su famiglia.
Massimiliano Farris, ex terzino sinistro guiderà la Lazio a Verona. Lavora con Inzaghi dai tempi della Primavera; il vero tattico dello staff. Si conobbero durante le finali scudetto a Chiavari nel 2015. Diventò il suo vice dopo un paio di mesi. Un uomo chiave all’interno dello spogliatoio per l’umanità èle la capacità di dialogo con i giocatori.
Esperienza profondissima tra Serie B e C. Era cresciuto nel settore giovanile della Pro Vercelli e lo scoprirono gli osservatori del Torino. Vatta lo fece esordire in Serie A: 4 presenze nella stagione 88/89: Marchegiani era il portiere granata. Un filo invisibile lo ha sempre collegato a Roma. Nel 2000, quando Inzaghi era il centravanti di Eriksson, Farris giocava al Flaminio con la Lodigiani.
Nel 96-97 – scrive il Corriere dello Sport – al Fiorenzuola aveva giocato accanto a Stefano Pioli che stava chiudendo la carriera di calciatore.
La passione per la panchina gliela trasmise nel 2005 Maurizio Sarri, all’epoca allenatore della Sangiovannese in Serie C. Farris era il suo capitano, incaricato di battere qualsiasi calcio d’angolo e qualsiasi calcio di punizione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*