BENTORNATO CIRO: LA SCARPA D’ORO TORNA AL GOL

Si è avventato come un falco sull’assist di Insigne; una cavalcata solitaria di quaranta metri e poi, una volta entrato in area di rigore ha fatto partire un sinistro potente e preciso che si è insaccato alle spalle di Peacock-Farre. Ciro Immobile è tornato a fare ciò che gli riesce meglio: essere decisivo per la sua squadra e mortifero per gli avversari. Dopo aver visto il pallone superare il portiere avversario, ha corso impazzito verso la bandierina: un urlo, un colpo verso l’asta fissata nell’angolo laterale e poi l’abbraccio, bello, intenso e spontaneo con tutti i suoi compagni. Ciro Immobile si è sbloccato.

Uun bomber ritrovato

E’ tornato a segnare sfruttando il palcoscenico internazionale che la maglia azzurra gli ha regalato. Se in passato la Lazio consegnava a Mancini un bomber motivato e spesso le veniva restituito (dopo gli impegni azzurri) un attaccante deluso e criticato, stavolta è accaduto l’esatto contrario. Immobile è arrivato a Coverciano stanco, triste e in difficoltà. E ora, proprio grazie ad un gol bello e decisivo, potrà recuperare fiducia in se stesso.

La Lazio consegnava a Mancini un bomber motivato e spesso le veniva restituito (dopo gli impegni azzurri) un attaccante deluso e criticato. Stavolta accade il contrario

Non segnava in nazionale dal novembre del 2019 (doppietta alla modesta Armenia). In campionato è fermo al gol segnato al Cagliari il 7 febbraio. Ora la parola d’ordine è: ripartire. Recuperando fiducia e sicurezza. La scarpa d’oro è tornata a lasciare il segno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*