Udinese-Lazio le pagelle: Super Marusic e la difesa regge

Reina: 6,5 Dopo un primo tempo da spettatore non pagante, salva il risultato con una prodezza su Stryger Larsen. Nella ripresa è salvato dal palo sul tiro di De Paul, ma nei concitati minuti finali è padrone dell’area di rigore nelle uscite.

Patric: 6,5 Sbaglia un paio di palloni in fase offensiva, ma dal punto di vista difensivo è attento. Si becca un giallo (evitabile) per aver allontanato un pallone ed esce nel finale.

Acerbi: 6,5 Si piazza al centro della difesa, nel suo ruolo. Ed è attento e sicuro. Negli anticipi e nei recuperi. Solo un errore, che rischia di essere decisivo, quando sbaglia il colpo di testa che porta al fallo di Musaccio e alla punizione di De Paul.

Radu: 6,5 E’ la gara che lo consacra nella storia della Lazio. E forse nei primi minuti (dove sbaglia qualche appoggio di misura) paga un pò di emozione. Ma a lungo andare gioca una gara quasi perfetta.

Lazzari: 6 Gioca in condizioni non eccezionali e sembra evitare i contrasti più duri. La corsa c’è, la forma arriverà. Ci sono quindici giorni per recuperarla.

Milinkovic Savic: 6,5 Prova a svettare sui tanti corner che la Lazio si procura nel primo tempo. Lotta, ci mette fisico e prova anche a farsi vedere in fase offensiva.

Leiva: 6 E’ uno dei più attesi. In interdizione riesce ad emergere, ma da un punto di vista fisico conferma di non essere al top.

Luis Alberto: 6 E’ ispirato e sfiora il gol con un bolide dalla distanza. Poi sembra cercare con troppa continuità la soluzione personale, dimenticando i compagni. Nel primo tempo batte 10 corner, senza creare problemi alla difesa. Nella ripresa, sempre dalla bandierina, sfiora il gol.

Marusic: 7 E’ il più in forma della squadra. Sia che giochi da difensore centrale, che da esterno. Segna il secondo gol in campionato e da la sensazione di creare occasioni pericolose in ogni azione.

Immobile: 6 Non è in condizione. E si vede. Ma regala qualche segnale di ripresa. Nel secondo tempo ha due occasioni d’oro: sulla prima si fa ribattere il tiro da Musso, sulla seconda prende il palo.

Muriqi: 5,5 E’ il più atteso tra i titolari. Gioca per la seconda volta consecutiva dal primo minuto e la prima al fianco di Immobile. Non tira mai in porta e non si rende mai pericoloso. Corre tantissimo, è ammirevole per voglia, ma ancora non incide.

Pereira: 6 Sbaglia un paio di ripartenze, ma nel concitato finale è il più attivo: guadagna punizioni importanti e lotta con grinta e determinazione.

Correa: 5,5 Poteva fare di più. Entra nel finale per regalare ripartenze in velocità, ma non riesce quasi mai ad essere pericoloso.

Escalante: 5,5 Si piazza davanti alla difesa per fare muro nel momento più complicato. Non riesce a proteggere la retroguardia nel momento più difficile.

Akpa Akpro: 6 Vedi Escalante, con un pò più di attenzione e qualche pallone recuperato in più.

Musacchio: sv Entra e rischia il rigore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*