Reina e Strakosha cosa dicono i numeri

Thomas Strakosha e Pepe Reina Allenamento Lazio ad Auronzo di Cadore. Auronzo di Caodre, 29 Agosto 2020 © Marco Rosi / Fotonotizia

Un dualismo che forse non ha portato giovamento a nessuno anzi oltre all’esperienza internazionale i dati non premiano la scelta di Inzaghi.

Reina o Strakosha? Simone Inzaghi nel corso della stagione 2021/21 sta premiando oltremodo l’esperienza del portiere spagnolo, ma analizzando numeri e rendimento, la scelta sta davvero pagando? Come leggiamo da Calciomercato.com, forse la risposta è in larga parte no, anche se, probabilmente, non è dovuto soltanto all’impatto degli estremi difensori, ma del rendimento complessivo della squadra.

La Lazio nella stagione 2019/2020 con Strakosha aveva una solidità difensiva più importante rispetto a quella che ha con Pepe Reina in questa stagione. La % di partite vinte scende dal 59% dell’anno scorso con l’albanese al 27% di quest’anno con lo spagnolo. 9 le vittorie consecutive della passata stagione contro le 3 di quest’anno, ma soprattutto Strakosha batte Reina sia per clean sheets per partita (0,25 contro 0,23), ma anche per gol concessi (1,16 contro 1,38). Sotto diversi aspetti se si confronta la stagione 2019/2020 del portiere albanese con quella 2020/2021 dello spagnolo Strakosha ha avuto un rendimento di molto più efficiente rispetto a Renia. Più alta per l’albanese è la % di tiri parati (73 vs 67) e di salvataggi per partita (1,20 contro 1,04). Anche per quello che riguarda il gioco con i piedi in realtà il distacco è tutt’altro che netto e, anzi, premia ancora Strakosha. Se è pari la % di passaggi lunghi riusciti e precisi (71%) sale di molto il distacco per i passaggi corti (5,4 contro 2,7 a partita) e quelli su palla inattiva (7 contro 4,5 a partita). In sostanza ad oggi oltre all’esperienza internazionale i dati non premiano la scelta di Inzaghi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*