Ok alla nuova Champions League. 36 squadre e playoffs

Il nuovo format della Champions League si prepara a debuttare nel 2024, tante le novità che l’UEFA introdurrà per rendere più affascinante la competizione


Manca sempre meno all’accordo sulla riforma della UEFA Champions League, che secondo il presidente dell’ECA e della Juventus Andrea Agnelli dovrebbe essere siglato nel giro di due settimane. Agnelli ha parlato ai giornalisti al termine dell’assemblea generale dell’ECA: “Spero vivamente che tutto venga fatto nelle prossime due settimane, ci sono dettagli che devono essere discussi, uno è l’accesso alla competizione, cioè come verranno assegnare i quattro posti extra

NUOVO FORMAT

Ma cosa prevede in sostanza questa nuova Champions League? Diciamo che il nuovo format è quasi pronto, mancano solo gli ultimi dettagli da definire prima di dare il via all’operazione, che partirà ufficialmente esattamente tra tre anni e prevede come prima grande novità l’aumento delle squadre che parteciperanno alla nuova Champions League, che passeranno da 32 a 36 inserite però, e qui sta la novità più grande, in un unico girone in cui però non si affronteranno tutte una contro l’altra. Ogni club disputerà 10 partite, cinque in casa e cinque in trasferta, in base a un calendario stilato tenendo conto di una divisione in fasce (le 36 squadre saranno divise in 4 fasce da nove club l’una). Ogni squadra della prima fascia andrà a giocare contro:

  • due squadre della prima fascia,
  • tre della seconda, tre della terza
  • due della quarta.

Una suddivisione che porterà il numero di partite da giocare per vincere la Champions da 13 a 17 (19 in caso di playoff), considerando come la fase a eliminazione diretta rimarrà inalterata, con gli ottavi e i quarti che fanno da prologo a semifinali e finale.

ELIMINAZIONE DIRETTA

Le squadre che si qualificheranno agli ottavi di finale nella nuova Champions League saranno definite in maniera piuttosto particolare: le prime 8 della classifica (formata come anticipato da tutti i 36 club partecipanti) accederanno alla fase successiva, mentre le altre 8 usciranno da un playoff disputato su partite di andata e ritorno tra le squadre classificate tra il 9° e il 24° posto della classifica. Le squadre piazzatesi invece dal 25° al 36° posto, verrebbero definitivamente eliminate. Con questo format aumenterà inoltre il numero di gare giocate nella prima fase, passando dalle 96 attuali disputate tra settembre e dicembre, alle 180 partite da giocare tra settembre e gennaio non solo il martedì e mercoledì, ma anche il giovedì.

E I 4 POSTI IN PIU’?

Come anticipato, il numero delle squadre che parteciperanno alla nuova Champions League passerà da 32 a 36, con l’aggiunta dunque di altri 4 posto. Ma a chi andranno? Al momento non è chiaro, potrebbero essere definito un tabellone in stile playoff da disputare in estate, oppure potrebbero essere privilegiate le le leghe che hanno meno posti. La Francia spinge per passare da 3 a 4, mentre Premier League e Liga vorrebbero salire a 5. Nessuna decisione è stata comunque presa, ciò che è certo è che i club saranno 36 e verranno divisi in un unico raggruppamento anche se, per determinare il calendario, saranno divise in 4 fasce in base al ranking Uefa. Un format dunque rivoluzionario, pronto a entrare in vigore dal 2024, stagione scelta dalla UEFA per lanciare la nuova Champions League in una dimensione più bella e affascinante.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*