Assemblea Generale dell’ECA: botta e risposta tra il presidente Agnelli e il vice UEFA Marchetti

Una vera e propria contrapposizione d’intenti è emersa durante la consueta assemblea Generale annuale dell’ECA, l’associazione che racchiude i club europei, tra il presidente della stessa Andrea Agnelli e il vice presidente della UEFA Giorgio Marchetti. Il calcio è a un bivio, bisogna cambiare bisogna cambiare e offrire ai tifosi la migliore competizione possibile, così si è espresso Agnelli perorando sempre più la causa di una Superlega che racchiuda le migliori squadre europee così da giocare partite sempre dall’alto significato storico e tecnico importante eliminando match sulla carta ritenuti con poco appeal. “Molto probabilmente ci sono troppe partite che non sono competitive, sia a livello nazionale che a livello internazionale, e questo non cattura l’interesse dei tifosi. Non possiamo dare per scontati i tifosi, anzi noi dobbiamo offrire loro la miglior competizione possibile o rischiamo di perderli”. Ferma la risposta di Marchetti che ha sottolineato la centralità delle competizioni europee a salvaguardia di tutti i club sia quelli più ricchi sia quelli con meno storia: «L’UEFA, i club, tutti, sono stati fantastici nel fronteggiare la pandemia. A volte, le peggiori circostanze ci obbligano a innovare in modi che non avremmo mai immaginato. Solo l’unità e la solidarietà ci possono aiutare, ma queste possono essere minacciate da alcune valutazioni opportunistiche e personali. Qualcuno pensa che recintare il perimetro delle proprie competizioni possa garantire la sopravvivenza. È il contrario, e il 99 per cento del calcio non sarebbe invitato a questa super-immunità. Superare questo problema non deve portare solo a benefici per i più ricchi, perché bisogna tutelare tutti. C’è un modo migliore di tutelare il calcio del futuro, con il progetto che abbiamo in mente, il nuovo format della Champions League porterà sostenibilità nel lungo periodo per tutti, mantenendo la piramide aperta per tutte. Pensiamo che sia un’opportunità da abbracciare. A breve lanceremo il ciclo 2021-24, che vedrà l’arrivo della Conference League». La battaglia è solo all’inizio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*