Lazio-Torino: pronto l’eventuale ricorso di Lotito

Secondo le ultime ricostruzioni, la Lazio avrebbe già deciso che si costituirà in giudizio e dunque eventualmente parteciperebbe come attore protagonista del procedimento della giustizia sportiva.

Lazio-Torino rischia di diventare un tormentone nelle prossime settimane: la partita non disputata martedì pomeriggio  porta delle conseguenze inevitabili. La mossa del Torino, annunciata mercoledì dai legali granata, ovvero il preannuncio di ricorso, è solo la prima di una lunga serie di batti e ribatti tra avvocati. Nella comunicazione è stata chiesta la ripetizione della partita. Il Torino, per evitare il 3-0 a tavolino e il punto di penalità, ha altri tre giorni di tempo per completare la procedura di reclamo, lo stesso verrà inoltrato alla Lazio.

In casa-Lazio, intanto si prepara il piano di battaglia: entro 24 ore i legali di Lotito potranno infatti depositare una memoria difensiva e offensiva a sostegno della posizione della squadra biancoceleste, presentatasi martedì all’Olimpico, regolarmente pronta per giocare. Secondo quanto riporta il Messaggerola Lazio avrebbe già deciso che si costituirà in giudizio e dunque eventualmente parteciperebbe come attore protagonista del procedimento della giustizia sportiva. Nel caso in cui non dovesse essere assegnato il 3-0 a tavolino, allora sarà proprio il club di Lotito a fare ricorso alla Corte Sportiva, poi al Collegio di Garanzia ed eventualmente anche al Tar. Eventuale beffa finale, la decisione finale dopo tre gradi di giudizio per Juventus – Napoli è arrivata 82 giorni dopo, con un rapido calcolo si arriverebbe alla seconda metà di maggio, non solo a giochi forse già fatti ma ricordando anche che, per esigenze del Coni, lo stadio Olimpico sia la Lazio che la Roma dovranno lasciarlo 15 giorni prima l’ultima giornata di campionato, si potrebbe arrivare quindi al paradosso che Lazio – Torino si potrebbe addirittura giocare in campo neutro!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*