FORMELLO – Inzaghi pensa già alla Juve. A chi dare un turno di riposo? Radu fa lavoro atletico

Formello – Manca solo l’ufficialità, ma sembra proprio che la partita contro il Torino sia già un pensiero archiviato. Probabilmente, a meno di clamorosi retroscena, la squadra piemontese non avrà il via libera da parte della ASL per lasciare la propria regione. Ecco così che Inzaghi trasforma la vigilia di Lazio-Torina nel primo step di avvicinamento a Juve-Lazio, in programma sabato sera alle 20,45. In serata o al più tardi nella mattinata di domani si saprà il da farsi per il turno infrasettimanale. La terza – ma remota – soluzione potrebbe essere uno slittamento a mercoledì sera. L’opzione più accreditata resta il rinvio a data da destinarsi.

Tanti dubbi, poche certezze – Se c’è qualcosa che le due partite disputate a stretto giro di boa hanno lasciato alla Lazio, queste sono le incertezze. Il tecnico piacentino dovrà dirimere parecchi dubbi e cercare di delineare un viatico per come uscire da questa piccola crisi di identità. Oggi non ha ancora parlato apertamente ai suoi, come suole fare a freddo dopo una sconfitta. Tuttavia la necessità è quella di riprendere la carreggiata interrotta, il più presto possibile. La corsa alla Champions non attende nessuno, così si pensa ai possibili accorgimenti. Uno tra Correa e Immobile, davanti, potrebbe riposare. Spazio dunque a Muriqi, con la possibile staffetta a partita in corso tra lui e Caicedo. L’ecuadoriano non è ancora al meglio, dovrà ritrovare la sua miglior forma, i suoi gol servono adesso che la corsa è al rush finale.

Note dolenti – Il rebus riguarda anche la difesa. Musacchio dopo la sostituzione contro il Bayern, e l’accantonamento per il match del Dall’Ara, sta cercando il riscatto. Potrebbe partire dal primo minuto, sia che si giochi direttamente contro la Juventus sabato, sia che alla fine dovesse arrivare il lascia passare e disputarsi la sfida contro i granata. La notizia positiva della giornata è che Radu è tornato a correre dopo l’operazione di ernia inguinale subita due settimane fa. I tempi di recupero sono stimati per metà mese. Non è ancora stata valutata, invece, la condizione di Lazzari; uscito anzitempo contro il Bologna per un problema al muscolo del polpaccio. Si spera in un leggero risentimento, ma non si può ancora scongiurare il rischio stiramento. Nel primo caso potrebbe restare fermo giusto per una partita, discorso diverso se dovesse, al contrario, trattarsi del secondo caso.

Ed il centrocampo delle meraviglie? – Se Lazzari non dovesse essere a disposizione il centrocampo subirà una modifica coattiva. Marusic (che oggi non si è visto sul campo, ma non ha problemi fisici ed è a disposizione) traslocherà sulla destra, con l’avvicendamento Lulic-Fares sulla sinistra. Dovranno ritrovarsi in zona centrale Luis Alberto e Milinkovic, tra i più opachi la scorsa settimana. Dovranno ritrovarsi ed in fretta, perché il segreto del gioco della Lazio passa proprio per i loro piedi. Inzaghi riflette per quello che riguarda Leiva. il giocatore brasiliano se è al meglio è un pilastro della formazione, ma ultimamente è sempre il primo ad essere sostituito. La sua condizione non è brillante, Cataldi ed Escalante sperano di ritagliarsi il proprio spazio.

Alessio Aliberti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*