Lazio-Bayern, le pagelle: Marusic e Luis Alberto le uniche luci

Reina: 6 Un gol lo subisce per colpa di Musacchio, uno a causa di un erroraccio di Patric e un altro ancora glielo segna Acerbi. Più che agli attaccanti avversari Pepe deve stare attento ai suoi compagni. E ci mette anche una pezza su un paio di conclusioni pericolose.

Patric: 4 Impresentabile a certi livelli. Sviene a centrocampo in occasione del terzo gol. Superato sul quarto da Sanè con semplicità imbarazzante.

Acerbi: 5 Sfortunato in occasione del quarto gol. Ma anche il resto della gara è pienamente insufficente.

Musacchio: 4 Da uno come lui, con la sua esperienza non ti aspetti quell’errore dopo nove minuti. Spiana la strada alla vittoria del Bayern Monaco.

Lazzari: 5 Ci prova, mette in mezzo un aio di palloni interessanti e si guadagna delle punizioni.

Milinkovic: 5 Ci prova, ci mette il fisico e tenta di lottare contro un centrocampo di marziani. Ma anche lui si perde e non riesce a emergere.

Leiva: 5 Male. In ritardo sul terzo gol. E in affanno perennemente.

Luis Alberto: 6 Una luce nel deserto. Il punto di riferimento dal quale ripartire. Tenta di riaccendere una squadra in grandissima difficoltà, non trovando aiuto dai compagni.

Marusic: 6,5 Esterno sinistro, centrale di sinistra, centrale di destra. L’unico in grado di giocarsela con i colossi del Bayern Monaco.

Correa: 6 Terzo gol in Champions League su sette partite. Se avesse questa media anche in campionato.

Immobile: 5 Gira a vuoto e non riesce ad incidere. Non è la sua serata e si vede.

Lulic: 5 Mette al centro dell’area di rigore uno dei palloni più interessanti della partita. Non può cambiare il corso di una gara segnata.

Hoedt: 5 Prova in tutti i modi a mandare in porta gli avversari, che sembrano quasi non voler infierire.

Escalante 6 Ci mette tigna e polmoni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*