Candreva-Keita, Ranieri si affida alla coppia di Ex per fermare la corsa Champions

Genoa, Italy January 6: Antonio Candreva of UC Sampdoria celebrates with Keita Balde after scoring penalty during the Serie A match between UC Sampdoria and FC Internazionale at Stadio Luigi Ferraris on January 6, 2021 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

Ranieri si affida agli ex Candreva e Keita per affrontare la Lazio oggi alle 15:00 all’Olimpico. Match dove i blucerchiati cercano una doppia vittoria in campionato che manca dalla stagione 1991-992. Fu l’ultima volta che i liguri vinsero entrambe le sfide. In questa stagione Ranieri & Co. hanno già battuto i biancocelesti nella gara di andata con un netto 3-0 a Marassi. I due ex , Keita e Candreva hanno entrambi lasciato un segno con l’aquila sul petto. Antonio, dopo un avvio difficile condito da mille polemiche per la sua presunta fede giallorossa, tra il 2012 e il 2016, ha giocato 151 partite con la Lazio e segnato 41 reti in Serie A, tra i quali anche due reti alla sua attuale squadra. Keita Baldé, dal canto suo, ha esordito la Lazio nel settembre 2013 contro il Chievo Verona. In maglia biancoceleste ha collezionato 110 presenze e 26 gol nel campionato italiano. Antonio, dopo la parentesi contro la Viola nella quale è entrato a gara in corso, con ogni probabilità partirà dal primo minuto. Sta vivendo una seconda giovinezza in blucerchiato, e dopo aver superato le difficoltà iniziali d’inserimento sta vivendo un momento magico. Anche l’attaccante senegalese sta attraversando un momento positivo. Dopo aver superato un problema muscolare che lo ha tenuto lontano dal terreno di gioco per circa un mese e mezzo, Baldè è tornato a segnare con continuità. Nelle ultime otto gare disputate ha timbrato per ben cinque volte il cartellino. Ranieri , romano e romanista, conosce molto bene l’ambiente romano e un’eventuale sgambetto per mano di un tecnico giallorosso e due ex biancoceleseti sarebbe davvero un brutto scherzo per Inzaghi.

Antonio Frateiacci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*