Inter – Lazio, una partita mai banale

Se pensiamo alla storia delle due società ci risulta difficile credere che negli ultimi 30 anni ad esempio, la Lazio pur riuscendo a vincere soltanto 5 volte, in altre 11 occasioni è riuscita comunque a portare via un pareggio da San Siro contro i nerazzurri dell’Inter, rimanendo imbattuta addirittura per dieci anni consecutivi, dal 1-2 del 1994 firmato da Zoff in panchina all’incredibile 1-1 firmato Talamonti con Mimmo Caso a guidare quello che restava della squadra biancoceleste quando Lotito prese in mano la società nel 2004 praticamente sull’orlo del fallimento. Se in questo stesso lasso di tempo è stato praticamente impossibile vincere contro il Milan a Milano fino al gol di Correa della scorsa stagione, come detto contro l’Inter la Lazio ha sempre venduto cara la pelle. Tante vittorie, alcune straripanti, alcune rocambolesche, altre inaspettate, molti pareggi meritati sul campo nonostante squadre sulla carte inferiori all’avversario e ovviamente anche alcune inevitabili sconfitte.

ANNI 90

Gli anni 90 si aprono con Zoff sulla panchina della Lazio e 3 sconfitte di fila fino alla vittoria del 6 febbraio 1994 per 2-1 con una insperata rimonta gol nel finale grazie ad un grossolano errore di Zenga su tiro di Di Matteo all’ultimo minuto. L’avvento di Zeman cambia il modo di approcciare a queste partite una volta giudicate impossibili e nei 3 anni con il boemo in panchina la Lazio resta imbattuta a San Siro, così come con Eriksson e una squadra che si stava avviando a conquistare uno storico scudetto nel 2000. Anzi la straordinaria vittoria per 5-3 del 18 ottobre 1998 con i gol di Salas, Mancini, Nedved e la doppietta di Conceicao, resterà per sempre nei cuori e nella mente di tutti i tifosi laziali.

ANNI 2000

Le parentesi di Zoff e Zaccheroni sulla panchina laziale portano comunque due pareggi a Milano così come altri due pareggi arrivarono dalla “banda Mancini” quando l’ex Campione d’Italia fu scelto da Cragnotti per sedersi sulla panchina biancoceleste. Fu proprio Simone Inzaghi a firmare il primo di pareggio nel 2003 dopo il vantaggio di Crespo (quanti ex sia in campo sia in panchina sono passati da una sponda all’altra), mentre terminò a reti bianche l’anno successivo con Zaccheroni questa volta sulla panchina neroazzurra. Un gol di testa di Talamonti, come detto, fece conquistare un punto insperato quanto importante che si rivelò fondamentale nella corsa alla salvezza di quella prima Lazio targata Lotito con Mimmo Caso in panchina. Il resto degli anni di quella prima decade del nuovo millennio risultarono impossibile per la Lazio in trasferta a Milano. Quegli anni l’Inter era la squadra più forte d’Italia, con Mancini in panchina a inanellare scudetti consecutivi o con il triplete di Mourinho non c’era storia per nessuno o quasi contro di loro. Così furono purtroppo solo sconfitte sia per Delio Rossi in quattro occasioni, sia per Ballardini (anche se resterà indimenticabile la Supercoppa vinta in quell’anno contro l’Inter ma a Pechino), che per Reja.

Poi finalmente, il tabù tornò ad infrangersi con Petkovic in panchina, l’8 maggio del 2013 con un 3-1 firmato da un autogol di Handanovic, un rigore di Hernanes e un gol di Onazi e da li a poco sarebbe stato 26 maggio! Il ritorno di Reja sulla panchina laziale non fu felice nella trasferta a Milano contro l’Inter del maggio del 2014, fu un secco 1-4, nonostante il vantaggio fulmineo iniziale con un colpo di testa di Biava. Pioli, ora sulla panchina di quel Milan in testa al campionato, è riuscito sempre ad uscire imbattuto da San Siro contro i nerazzurri. 2-2 poco prima del Natale 2014 con la doppietta iniziale firmata Felipe Anderson e la vittoria l’anno successivo con un’altra doppietta questa volta di Antonio Candreva.

INZAGHI IN PANCHINA

Da 5 stagioni c’è Simone Inzaghi sulla tolda di comando del vascello laziale e dopo la netta sconfitta alla sua prima volta da allenatore della Lazio a Milano nel 2016, un 3-0 netto e senza discussioni, sono seguiti però poi un pareggio a reti bianche nel 2017 e la vittoria grazie ad un colpo di testa di Milinkovic Savic nel 2018, fino all’immeritata sconfitta per 1-0 della scorsa annata aggiungendo però nel frattempo anche due perle in Coppa Italia quando per due volte la Lazio riuscì ad eliminare l’Inter ai quarti di finale vincendo la gara unica entrambe appunto in trasferta, viatico per approdare alle rispettive finalissime da li a poco. Domenica sera sarà ancora Inter – Lazio e mai come questa volta regna una inconsueta fiducia nella squadra di Simone Inzaghi.

Bilancio degli ultimi 30 anni a San Siro contro l’Inter:

12 sconfitte, 11 pareggi e 6 vittorie

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*