Lazio, si ritira Proto

L’ex portiere, che ha rescisso il contratto con il club pochi giorni fa, dice addio al calcio e subito il suo ex compagno alla Lazio Strakosha lo ringrazia e lo elogia per la carriera

Con un post sul profilo personale Instagram, Silvio Proto, 9 presenze con la maglia della Lazio, ha annunciato proprio a pochi giorni dalla rescissione del contratto con la squadra biancoceleste e con sei mesi d’anticipo sulla scadenza dello stesso, il suo ritiro definitivo dal mondo del calcio. In questa stagione non ha mai giocato, era ancora in Belgio per recuperare dall’infortunio al gomito che lo ha costretto all’operazione. Su Instagram, come detto, l’annuncio di appendere i guanti al chiodo“7069 giorni dalla mia prima partita in prima divisione. Tanti tuffi, gol salvati e altri incassati. È tempo per me e per i miei primi capelli bianchi di mettere via i guanti. È con orgoglio e sollievo che inizio un nuovo capitolo della mia vita, che voglio dedicare alle mie passioni, ai miei progetti e alla mia piccola famiglia che mi ha più che sostenuto in questa lunga carriera. Grazie a mia moglie per aver sopportato i miei riti scaramantici, ai miei figli per aver fatto di me il miglior calciatore del mondo (almeno ai loro occhi). Ai tifosi per avermi spinto a superarmi sempre, ma anche ai dirigenti, agli allenatori, ai compagni e agli avversari senza i quali la mia carriera non sarebbe stata quella che è stata. Dico addio a questo mondo che mi ha reso certamente ciò che sono, ma che era troppo duro per il mio animo sensibile. Quindi, senza alcun rimpianto, le mie mazze da golf hanno sostituito i guanti. Esco definitivamente dalla mia gabbia”. Immediato il saluto sempre “social” del suo ultimo compagno di reparto alla Lazio, Thomas Strakosha che ha così voluto omaggiare il giocatore belga:

“Congratulazioni per la tua fantastica carriera. È stato un grande piacere giocare con te, ti ringrazio per i consigli e per il tuo sostegno. Lo apprezzo molto e te ne sarò sempre grato. Dio benefica te e la tua famiglia”. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*