Musacchio la prima è ok

La prima è ok con la maglia della Lazio per il difensore argentino è andata più che bene e, come si legge sulle pagine della Gazzetta dello Sport odierna, Simone Inzaghi, complice la giornata di squalifica rimediata da Patric, sta pensando di lanciarlo titolare contro il Cagliari.

Mateo Musacchio ha festeggiato il suo esordio nella Lazio con i tre punti di Bergamo. Anche una sorta di rivincita sul piano personale per il trentenne argentino. Che una settimana prima aveva affrontato proprio l’Atalanta nella sua ultima gara col Milan. In campo nei 33 minuti finali nella gara persa (3-0) a San Siro. Anche a Bergamo domenica pomeriggio Musacchio è subentrato, al 37’ del primo tempo a Patric, richiamato in panchina da Inzaghi dopo l’ammonizione. E il difensore sudamericano, arrivato cinque giorni prima dal Milan con una trattativa rapidissima, si è subito inserito negli ingranaggi tattici biancocelesti, assicurando il proprio apporto a protezione della porta di Reina.

Non ha esitato Musacchio a dire sì alla Lazio che, dopo lo stop di Luiz Felipe (operazione alla caviglia, due mesi out), cercava un rinforzo di esperienza già pronto per il campionato italiano. Dopo l’esordio nel River Plate, otto stagioni in Spagna col Villarreal prima di approdare nel 2017 al Milan. In scadenza di contratto a giugno col club rossonero: l’argentino si è trasferito alla Lazio con un contratto sino a fine stagione. Un’opzione per altri due anni potrà prolungare il suo futuro in biancoceleste. “Felice per l’esordio ma ancora più felice per i tre punti! Avanti così!”, così ha espresso tutta la propria gioia domenica sera su Instagram. Una vittoria condita anche dalla sua grinta e dalla sua efficacia nei contrasti. La squalifica di Patric fornisce a Musacchio la possibilità di giocare da titolare, sulla destra della difesa, Già domenica nel posticipo serale dell’Olimpico contro il Cagliari. Per cercare di bissare la prova di Bergamo e sentirsi subito tra i protagonisti con la maglia della Lazio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*