Caicedo l’uomo in più.

Caicedo uomo in più e per Inzaghi è incedibile. Più sembra lontano più resta saldamente al suo posto, più viene messo in dubbio più segna. Un avvio di stagione da favola per Felipe Caicedo, mai così straripante e decisivo da quando è alla Lazio. Anche ieri a Parma c’è la firma della Pantera, secondo gol consecutivo dopo quello di mercoledì scorso alla Fiorentina che coincide con la seconda vittoria di fila della squadra biancoceleste.
Solo un’altra volta con Bologna e Torino in questo altalenante inizio di campionato, la formazione Inzaghi c’era riuscita e anche lì Caicedo fu decisivo con la rete del 4-3 segnata nei minuti di recupero.

Con il gol realizzato al Tardini, scrive Il Messaggero, Caicedo è arrivato a 6 reti dopo 17 giornate. Non c’era mai riuscito da quando veste il biancoceleste: solo un’altra volta nella sua carriera, ha fatto meglio. Era la stagione 2010-2011 e giocava in Spagna nel Levante; riuscì a segnare 7 gol in 16 partite. Sei reti in 659 minuti, un gol ogni 109 minuti, praticamente un gol a partita. Niente male per un dodicesimo, un gregario di lusso che sta facendo meglio della punta titolare Correa.
Nessuna terza punta in Italia ha i numeri del panterone. Di solito chi ha un giocatore di questo genere se lo tiene ben stretto. Per Inzaghi e per Tare è così, ma si sa nel mercato tutto può accadere e qualora arrivassero proposte indecenti Lotito è pronto a valutarle, a patto che siano vicine ai 10 milioni di euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*