Annuo nuovo, vecchi errori

La Lazio parte nel 2021 con una consapevolezza: la squadra continua a balbettare e a commettere troppi errori: e la classifica ora, si fa davvero preoccupante. Anche a Genova, così come era accaduto a Benevento e, in parte, col Milan, la Lazio parte bene, gioca un buon primo tempo dove meriterebbe di più, ma poi cala vistosamente alla distanza.

A Genova paga un errore pazzesco, singolo e di squadra, in occasione del pareggio di Destro: otto uomini nei sedici metri avversari (tra l’area e il limite) a seguire un azione offensiva: con la Lazio in vantaggio e che, in quel momento, avrebbe dovuto gestire il risultato. Una ripartenza folle, nella quale Leiva avrebbe dovuto sprecare un fallo e non farsi superare in modo troppo semplice da Shomurodov. Ma da quel momento in poi (e mancava più di mezz’ora alla fine) la squadra è stata incapace di creare grattacapi alla retroguardia rossoblu.

Prevedibile, impacciata, con Luis Alberto e Milinkovic che, da diverse partite a questa parte, crollano dopo un’ora di gioco, la Lazio torna a casa con un punto inutile. E quando tutto va storto ci si mette anche Calvarese, che in novanta minuti è incapace di concedere due rigori evidenti. Da troppe settimane invochiamo un cambio di marcia. Un ritmo diverso. Siamo sicuri che questa squadra sia in grado di realizzarlo?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*