Contro il Verona turno di riposo per Correa?

Joaquin Correa, due gol in serie A

La Lazio si ritrova in quel di Formello dopo i festeggiamenti per il raggiungimento degli ottavi di finale di Champions e dopo il giorno di riposo lasciato da mister Inzaghi ai suoi ragazzi. Domani sarà già giorno di rifinitura in vista della sfida di sabato sera contro il Verona di Juric

Dubbio Correa – la ripresa è scandita da un allenamento blando e di scarico per i titolari, carichi più intensi per tutti gli altri. In porta sempre aperto il ballottaggio che sembra dover scandire un po’ tutta la stagione biancoceleste tra Reina e Strakosha. Il portiere albanese ha ritrovato la forma occorrerà vedere se Inzaghi lo rilancerà dal primo minuto o se continuerà sulla scelta di Reina. Davanti il dubbio maggiore riguarda Correa: contro il Bruges ha giocato quasi tutta la partita ma non è al meglio, probabile che contro i veneti sarà uno tra Caicedo e Pereira a partire titolare al fianco di Immobile. Muriqi ancora differenziato.

Difesa fuori Patric – Lo spagnolo è uno dei due assenti sul campo di oggi pomeriggio (l’altro è Lulic appena rioperato, ritorno probabile in gruppo a gennaio) ancora alle prese con il torcicollo, difficile il suo rientro per sabato sera. Hoedt e Luiz Felipe si combattono una maglia da titolare al fianco di Acerbi (oggi solo corsa blanda ma non ci sono dubbi sulla sua presenza) e Radu.

Leiva verso la panchina – Da qui a natale ci sarà un tour de force in serie A con partite ogni tre giorni e i biancocelesti dovranno affrontare Napoli e Milan. Lo sa Inzaghi che dovrà fare un turnover ragionato, il primo tassello del puzzle potrebbe essere concedere un turno di riposo a Leiva. Escalante e Cataldi si giocano la maglia da titolare contro il Verona, con il romano in vantaggio. Non ci dovrebbero essere dubbi sulla presenza di Luis Alberto e Milinkovic con Akpa Akpro pronto a subentrare.

Di seguito gli altri presenti sul campo: 

Alia, Armini, Lazzari, Marusic, Parolo, Fares, D. Anderson, Franco, Czyz, Raul Moro.

Alessio Aliberti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*