Oggi con il “Cuoio” Speciale Lazio-Zenit. Sergio Conceicao e gli anni alla Lazio

Ha vinto uno scudetto, una Coppa delle Coppe, una Supercoppa Europea, una Coppa Italia e una Supercoppa Italiana, battezzando il suo esordio con un gol. Sergio Conceicao è il protagonista dello speciale realizzato da “Il Cuoio”. Protagonsta con la maglia della Lazio in campionato e in Champions League, ricorda le emozioni di due anni fantastici. “Abbiamo vinto insieme tante cose: uno scudetto, la Coppa delle Coppe, la Supercoppa Europea, la Supercoppa italiana. Eravamo un gran bel gruppo, che in campo si è tolto grandi soddisfazioni. Ogni volta che penso alla Lazio lo faccio con il sorriso”.

E’ arrivato a Roma l’estate del 1998 per sostituire in campo e nei cuori della tifoseria un idolo come Diego Fuser. Conceicao ci ha messo poco a entrare nel mondo biancoceleste e negli schemi di Sven Goran Eriksson, tecnico dal quale ha imparato molto. “Un allenatore che ha insegnato tanto a tutti noi. Non per niente di quella squadra, molti oggi fanno gli allenatori e con ottimi risultati. Anche Simone Inzaghi. Sono felice per lui per quello che sta facendo alla Lazio. Una squadra che gioca bene e diverte. Siamo stati un bel gruppo, che ha portato a casa tante vittorie. Qualche rammarico c’è, ma alla fine abbiamo vinto quasi tutto”.

Nella stagione dello scudetto si mette in evidenza a suon di gol e assist. Conceicao è un titolare inamovibile negli schemi di Eriksson. Che si giochi con un centrocampo a cinque o con il quattro quattro due, Sergio è saldamente padrone della fascia destra.

Vive il suo momento migliore a fine novembre. La Lazio è reduce dalla sconfitta nel derby e dal pareggio casalingo contro la Juventus. Due battute d’arresto che l’hanno portata a perdere la testa della classifica e fiducia nei propri mezzi. Nelle due successive gare il portoghese prende per mano la squadra. A Marsiglia segna il decisivo gol del 2-0 e si ripete pochi giorni dopo a Perugia, regalando alla Lazio un successo che risulterà decisivo.

Il 14maggio del 2000 la Lazio vince lo scudetto battendo in casa la Reggina e aspettando notizie da Perugia. “Un incredibile finale. Eravamo con le radioline a seguire i risultati. Una grande vittoria che ha fatto impazzire tutti i tifosi. Peccato non essere riusciti a vincere anche la Champions. Per me avevamo tutti i mezzi per portare a casa anche quel trofeo. E’ un altro dei miei rimpianti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*