Dopo la Nazionale torna la serie A e non solo: 97 partite in 34 giorni

Dopo il pass per le finali di Nations League staccato dalla Nazionale di Mancini tornano la Serie A, le coppe europee e la Coppa Italia, fino alla fine dell’anno non ci si ferma più

La sosta per le nazionali si è conclusa ieri sera con il successo dell’Italia di Roberto Mancini e l’appuntamento con gli impegni delle selezioni è ora rimandato al 2021. A partire da sabato i tifosi del nostro calcio potranno finalmente tornare a godere e/o soffrire per i risultati delle proprie squadre di club e non ci sarà un attimo per rifiatareSaranno infatti 97 le partite che vedranno impegnate le squadre di Serie A nei prossimi 34 giorni. Un numero incredibile.

SERIE A – La Serie A sarà ovviamente protagonista con ben 70 incontri da disputare. 5 saranno i turni “normali” che verranno giocati nel corso dei fine settimana, a cui però dovranno essere aggiunti anche due turni infrasettimanali. Il ​1° turno infrasettimanali andrà in scena il 16 dicembre 2020, mentre il 2° turno infrasettimanale ci accompagnerà a Natale e andrà in campo il 23 dicembre 2020.

CHAMPIONS ED EUROPA LEAGUE – Per 7 dei nostri top club agli impegni “casalinghi” si aggiungeranno inevitabilmente anche gli impegni di Champions ed Europa League. I gironi sono arrivati soltanto a metà del loro percorso e per questo per Inter, Atalanta, Juventus e Lazio ci saranno ancora 3 match in programma per provare a centrare la qualificazione agli ottavi di Champions, mentre per Milan, Roma e Napoli saranno 3 gli incontri per l’accesso ai sedicesimi di Europa League. In totale saranno altre 21 partite.

LA COPPA ITALIA – Anche i club che nella passata stagione non sono arrivati in alto in classifica si aggiungerà un’altra partita che riguarda i sedicesimi di finale di Coppa Italia. 8 partite di cui 6 vedranno impegnate formazioni di Serie A. si tratta di Parma, Cagliari e Verona, Bologna e Spezia, Udinese e Fiorentina, Torino e infine Sampdoria e Genoa che si sfideranno in un nuovo derby.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*