Nessun rinvio: la Lazio andrà a Torino

Il presidente della Lazio, Claudio Lotito

Interpellato ai microfoni Sky pochi minuti prima del calcio di inizio di Bruges-Lazio, il direttore sportivo Igli Tare aveva lasciato aperto qualche spiraglio verso una possibile richiesta di rinvio della trasferta di Torino. “Ci penseremo venerdì, non mi sento di escludere nulla” aveva dichiarato. La situazione paradossale che si sta vivendo a Formello , con quattro giocatori (Immobile, Luis Alberto, Lazzari e Djavan Anderson) fermati dalla Uefa dopo il tampone di lunedì, altri tre bloccati a casa in isolamento volontario (Luiz Felipe, Leiva e Strakosha) aveva portato la società a riflettere sulla possibile richiesta di slittamento della gara di domenica.

Ma il pensiero è stato immediatamente accantonato: intanto per ragioni regolamentari (si può richiedere il rinvio se ad una settimana dall’esplosione del primo caso si registrano almeno dieci calciatori positivi), ma soprattutto per una precisa indicazione societaria. Lotito infatti non vuole sentir parlare di rinvii. Seguendo le indicazioni della Lega, vuole dimostrare a tutti che il calcio è perfettamente in grado di superare questa situazione di grande incertezza, rispettando al cento per cento i protocolli studiati.

Un diktat già espresso con la Salernitana, che si è opposta a qualsiasi richiesta di rinvio. Giorni fa è nata una polemica a distanza con Galliani (vice presidente del Monza) che criticava la mancata concessione di un rinvio alla Reggiana, falcidiata dal Covid (più di 20 i tesserati coinvolti) in vista del match contro i campani. Anche in quel caso Lotito (e la Salernitana) si sono dimostrati intransigenti. La Lazio andrà a Torino; la sfida contro i granata si disputerà regolarmente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*